OPERA PRIMA: DIBATTITO SULL'IMMAGINARIO CINEMATOGRAFICO
OPERA PRIMA: DIBATTITO SULL'IMMAGINARIO CINEMATOGRAFICO

Roma 25 lug. - (Adnkronos) - ''Opera Prima: l'immaginario cinematografico dall'idea alle riprese e' il tema di una ''tavola rotonda'' che si e' svolta oggi a Roseto degli Abruzzi nell'ambito della terza edizione di ''Roseto Opera Prima'', curato dal regista Tonino Valerii, riservato ai registi esordienti italiani e stranieri. Alla ''tavola rotonda'' coordinata dal critico Giovanni Grazzini hanno preso parte i registi Carlo Lizzani e Florestano Vancini ed il produttore Turi Vasile.

Al dibattito e' seguita laproiezione del film ''Grazie di tutto'' di Luca Manfredi, uno dei dodici film del Festival al cui vincitore sara' attribuita, su referendum del pubblico, la ''Rosa d'Oro'', simbolo della citta', che negli anni precedenti e' stata assegnata a ''Come tu mi vuoi'' di Carmine Amoroso e a ''Il bagno turco'' di Ferzan Ozptek.

Il festival, che si concludera' il 31 luglio, annovera, oltre al film di Manfredi: ''The full monty'' (Gran Bretagna) di Peter Cattaneo; ''Mare Largo'' (Italia) di Ferdinando Vicentini Orgnani; ''Ci sara' la neve a Natale?'' (Francia) di Sandrina Veysset; ''La stanza dello scirocco'' (Italia) di Maurizio Sciarra; ''Febbre a '90'' (Gran Bretagna) di David Evans; ''Amore e morte a Long Island'' (Gran Bretagna) di Richard Kwietniowski; ''Posta celere'' (Norvegia) di Paul Sletaune; ''Tano da morire'' (Italia) di Roberta Torre; ''The Peacemaker'' (Usa) di Mimi Leder; ''La mia vita in rosa'' (Belgio/Francia/Gran Bretagna) di Alain Berliner; ''Buffalo '66'' (Usa) di Vincent Gallo.

(Sin/Zn/Adnkronos)