IMMIGRATI: MANCONI, ITALIA NON PUO' FAR MORIRE CHI FUGGE...
IMMIGRATI: MANCONI, ITALIA NON PUO' FAR MORIRE CHI FUGGE...

Roma, 28 lug. - (Adnkronos) - ''L'Italia dell'Ulivo, l'Italia del centrosinistra, l'Italia del governo Prodi non puo' essere -e non deve essere- il paese dove gli stranieri muoiono bruciati vivi all'interno di una nave mercantile o affogati in fondo al canale di Otranto. Non sappiamo se vi sono responsabilita' penali: sappiamo con certezza che vi sono responsabilita' politiche e morali''. E' quanto sottolinea il portavoce dei Verdi Luigi Manconi, commentando gli ultimi drammi legati all'emergenza immigrati. ''La politica dell'immigrazione di un paese di emigrati, com'e' stata l'Italia per un secolo, non puo' mettere nelle condizioni di morire, per fuoco o per mare, chi fugge dal dispotismo o dalla fame. Non puo''', avverte.

''L'Italia -prosegue Manconi- si e' data una decorosa legge per l'immigrazione, deve regolarizzare in queste settimane i previsti provvedimenti per la regolarizzazione, sta avviando una politica del Mediterraneo. Ma, mentre tardivamente e faticosamente cercano di darsi una strategia, l'Italia e il suo governo devono fare in modo che l'accoglienza, anche provvisoria, risponda ad elementari criteri di civilta'. Cosi', troppo spesso, non e'''.

''L'Italia -denuncia il portavoce dei Verdi- che ha visto 50 milioni di suoi cittadini emigrare nel mondo non e' capace di accogliere qualche migliaio di infelici. Un paese di 57 milioni di persone teme l''invasione' e l''assedio' di chi fugge dal dispotismo e dalla fame?''.

(Sin/Pn/Adnkronos)