INQUINAMENTO A ROMA: DE CRESCENZO, SEMAFORI TROPPI E DANNOSI
INQUINAMENTO A ROMA: DE CRESCENZO, SEMAFORI TROPPI E DANNOSI

Roma, 28 lug. -(Adnkronos)- ''L'amministrazione capitolina vuole abbattere uno dei fattori inquinanti, non secondari, di Roma? Elimini i semafori''. Lo sostiene Luciano De Crescenzo.

''Molti semafori, anziche' snellire o selezionare il traffico, lo congestionano creando nuvole di inquinamento ogni poche centinaia di metri. Alle fermate obbligate, decretate dal 'rosso' degli impianti semaforici, mezzi pubblici e privati rovesciano infatti nell'ambiente circostante una quantita' enorme di anidrite carbonica, anche quando le strade sono semideserte''.

Naturalmente ''non possono essere aboliti tutti. Vanno lasciati quelli che regolano il traffico negli incroci molti pericolosi. Tutti gli altri dovrebbero lampeggiare e basta: servirebbe a indicare l'obbligo di rallentare in vista di pedoni e di autoveicoli che hanno la precedenza.''

''L'assessore ai trasporti -sostiene De Crescenzo- dovrebbe nominare una commissione di esperti, composta in prevalenza da tassisti e da autisti dell'Atac, per stabilire quali sono i semafori inutili, anzi dannosi.''

(Pal/Zn/Adnkronos)