SIDERURGIA: FEDERACCIAI, SITUAZIONE INSOSTENIBILE (2)
SIDERURGIA: FEDERACCIAI, SITUAZIONE INSOSTENIBILE (2)

(Adnkronos) - Questo fenomeno non potra' che avere pesanti ripercussioni sull'attivita' del comparto alla ripresa della attivita' dopo il periodo estivo, con possibili riduzioni delle attivita' produttive e conseguente ricorso a cassa integrazione per i lavoratori interessati.

Federacciai sottolinea inoltre ''la tempestivita' di cui ha dato prova l'amministrazione italiana (in particolare il Ministero del Commercio Estero) nel rilevare e rappresentare all'Esecutivo Ue la necessita' di un'azione di contenimento del fenomeno in argomento. E' peraltro da stigmatizzare la lentezza dello stesso Esecutivo Comunitario che, nonostante la palese situazione di sofferenze del mercato ha atteso tre mesi per avviare opportune, ma ormai scarsamente efficaci, iniziative di sensibilizzazione diplomatiche sull'argomento nei confronti dei paesi esportatori''.

''La gravita' della crisi del mercato siderurgico italiano che e' ormai estesa a tutti gli altri paesi della Ue, richiede -secondo Federacciai- un ben piu' deciso intervento da parte delle istanze Ue interessate. Non si possono perseguire per anni politiche di incentivazione della ristrutturazione e di privatizzazione del comparto siderurgico comunitario, con onerosi costi industriali e sociali e lasciare poi lo stesso settore in balia di competitori sleali a livello internazionale (aziende fallite che continuano a produrre e imprese statali che vendono senza riferimento ai costi), vanificando del tutto l'azione di ristrutturazione sopra chiamata.

(Mil/Lr/Adnkronos)