BANCA INTESA: DOPO FUSIONE, CARIPARMA ENTRERA' NEL SINDACATO
BANCA INTESA: DOPO FUSIONE, CARIPARMA ENTRERA' NEL SINDACATO
ASSEMBLEE PER INCORPORAZIONE IL 16 DICEMBRE

Roma, 26 ott. - (Adnkronos) - Via libera dei cda alla fusione di CariParma Holding in Banca Intesa. E con la fusione, la Fondazione CariParma entrera' nel patto di sindacato che governa Banca Intesa, con una quota compresa tra il 5 e il 7 per cento del capitale e designera' un proprio rappresentante nel Comitato direttivo del patto nonche' due membri nel cda di Banca Intesa, previo aumento del loro numero dagli attuali 15 a 17.

Il progetto di fusione per incorporazione, approvato oggi dai consigli di Banca Intesa e di Cariparma Holding, societa' interamente controllata dalla Fondazione Cassa di risparmio di Parma e Monte di Credito su pegno di Busseto, sara' sottoposto alle assemblee straordinarie, convocate rispettivamente per il 16 dicembre e, in seconda convocazione, per il 12 gennaio.

Prima dell'atto di fusione, spiega una nota, la Fondazione Cariparma conferira' a Cariparma Holding circa un terzo delle complessive 612.536.796 azioni della partecipazione di controllo, pari al 51,58 per cento, detenuta nella Cr di Parma e Piacenza ad un controvalore di 300 miliardi e cedera' le restanti azioni ad un prezzo di 600 miliardi. (segue)

(Sec/Pn/Adnkronos)