PUBBLICITA': FA DISCUTERE SPOT CON MARYLIN MANSON PAPA
PUBBLICITA': FA DISCUTERE SPOT CON MARYLIN MANSON PAPA
RIFIUTATO DA CANALE 5, MA L'ESPRESSO LO PUBBLICA IN ANTEPRIMA

Roma, 17 dic. - (Adnkronos) - Non ancora pianificata si presenta all'insegna delle polemiche la campagna ideata dall'agenzia Klaus Davi & Co di Milano che vede come testimonial Marylin Mason nei panni del Papa. Il cantante Rock transessuale compare infatti nello spot in questione bardato come un pontefice vestito in pompa magna, con tanto di mitra in testa, bastone pastorale in una mano e anello al dito.

Il claim ideato da Klaus Davi recita: ''Manson: il papa di chi non si riconosce in nessuna chiesa''. La campagna, spiega Davi, e' stata ideata allo scopo di dare voce ai reietti della societa', a tutti coloro che sono esclusi dalle iniziative e dalle opere del Giubileo del 2000: immigrati, barboni, zingari, prostitute, transessuali. Lo spot di cui e' stata girata una versione di dieci secondi e' stato proposto in esclusiva alla trasmissione ''Verissimo'' curata da Piero Vigorelli, che si e' pero' rifiutato di mandarlo in onda trovando la pubblicita' troppo forte per le sue ascoltatrici sostenendo anche che Davi, famoso per le sue campagne trasgressive ''corre il rischio di rincorrere se stesso alzando sempre di piu' il livello della trasgressione''. (segue)

(Ste/Zn/Adnkronos)