UDR: MASTELLA, IL CENTRO VINCE SOLO CON LISTE DIVERSE
UDR: MASTELLA, IL CENTRO VINCE SOLO CON LISTE DIVERSE
COSSIGHIANI FARANNO 'GRUPPO DEL GOVERNO'

Roma, 23 feb. - (Adnkronos) - ''Io sono interessato a ricostituire il centro, ma solo se ci presentiamo con liste diverse riusciamo ad ottenere un buon risultato. Altrimenti vince Prodi''. A poche ore dalla riunione del gruppo dell'Udr che potrebbe sancire la rottura definitiva, Clemente Mastella torna a difendere la sua strategia politica, ribadendo di essere contrario ad una lista unica con Ri e Ppi alle Europee. ''Insieme si ottiene meno rispetto a quanto si puo' avere presentandosi separati, la somma non fa il totale'', spiega il segretario dell'Udr. ''Poi il giorno dopo possiamo dar vita alla costituente per il centro'' ipotizza.

Su quello che potra' essere l'epilogo delle vicende interne al partito, Mastella non fa previsioni. Riuscira' a salvare il gruppo? ''In questi casi fino all'ultimo tutto e' incerto, magari chi pensi che sta con te, passa dall'altra parte e viceversa''. Non risparmia ironie pero' su coloro che potrebbero uscire dall'Udr per formare il gruppo con Rinnovamento italiano: ''Faranno il gruppo del governo, visto che hanno quattro ministri, e che ministri: Difesa, Esteri, Rapporti con il Parlamento. Senza dimenticare poi i sottosegretari...''.

Nessuna polemica invece con Francesco Cossiga. Solo un accenno indiretto all'ex capo dello Stato. ''Chi aveva detto che non era interessato alle beghe interne, in queste ore sta chiamando tutti i miei deputati''. Poche battute anche su quelle che potranno essere le vicende legate al simbolo del partito in caso di separazione con Cossiga e Rocco Buttiglione. ''C'e' una lettera autografa di Cossiga in base alla quale la disponibilita' appartiene al segretario. Comunque spero che tutta si risolva in termini civili'' dice Mastella.

Infine una precisazione per quanto riguarda la presentazione delle liste alle Europee, per le quali sono necessarie centocinquantamila firme oppure avere un gruppo parlamentare o un eurodeputato. ''Appunto -dice Mastella- non ci saranno problemi''. Anche se sparisse il gruppo a Montecitorio infatti al Senato dovrebbe riuscire a mantenere un numero sufficiente di senatori.

(Sam/Pn/Adnkronos)