FOTOGRAFIA: MORTO L'AMERICANO HARRY CALLAHAN
FOTOGRAFIA: MORTO L'AMERICANO HARRY CALLAHAN

New York, 18 mar. - (Adnkronos/Dpa) - E' morto, all'eta' di 86 anni, il fotografo americano Harry Callahan. Ne da' notizia oggi il ''New York Times'' specificando che l'artista, che era nato a Detroit nel 1912 ed aveva avuto la sua prima mostra al Museo d'arte moderna di New York nel 1946, si e' spento lunedi' scorso. Oltre che per la sua attivita' di fotografo, in cui univa l'amore per la precisione con il piacere della sperimentazione, Callahan era famoso come insegnante di fotografia.

Dopo aver insegnato fino al 1961 all'Istituto di design di Chicago - dove fu chiamato nel 1946 da Arthur Siegel per lavorare con il fotografo espressionista Aaron Siskind- fondo' poi il dipartimento di fotografia alla Rhode Island School of Design. In queste scuole, ormai dalle reputazioni quasi leggendarie, Callahan lavoro' alla formazione di generazioni di artisti fotografi, sempre incoraggiando la via sperimentale. Lascio' l'insegnamento nel 1977 per dedicarsi completamente al suo lavoro.

''Io sperimento con diverse tecniche - si trovo' una volta a dire il fotografo che aveva iniziato a lavorare negli anni trenta nei laboratori fotografici della General Motors, in Michigan- per vedere gli oggetti in un modo diverso da quello in cui si vedono originariamente''. Nel 1978 fu il primo fotografo americano chiamato a rappresentare il suo paese alla Biennale di Venezia.

(Ses/Zn/Adnkronos)