KOSOVO: ANNUNCIATA LA FIRMA ALBANESE (4)
KOSOVO: ANNUNCIATA LA FIRMA ALBANESE (4)

(Adnkronos) - In attesa della firma del piano di Rambouillet, prevista per le 18,30, la delegazione albanese ha esortato la Nato a non esitare a lanciare i raid in Serbia in mancanza di un'adesione all'accordo da parte di Belgrado. ''Con la nostra firma consideriamo chiusa la questione -ha dichiarato il portavoce della delegazione albanese, Veton Surroi- Non siamo disposti a partecipare a nuovi negoziati''. Non appena firmato il documento, la delegazione albanese si rechera' a Mons, Belgio, per consultazioni con il Comando supremo delle forze alleate in Europa della Nato, dopodiche' si dividera': una parte dei delegati tornera' nel capoluogo kosovaro Pristina e l'altra si rechera' a Washington su invito della Albright.

Sempre a Parigi, il portavoce del dipartimento di Stato americano, James Rubin, ha accusato i serbi di non voler ''decidere per la pace'' ed ha elogiato invece la ''coraggiosa decisione'' degli albanesi di firmare il piano di pace. Rubin ha pero' anche confermato che la comunita' internazionale continua a lavorare per un accordo, ''perche' nessuno vuole fare uso della forza militare, non e' questo l'obiettivo. L'obiettivo e' la pace''. Si profila quindi l'ipotesi di concedere ai serbi qualche giorno di riflessione con la speranza che tornino a Parigi a meta' della prossima settimana con l'unico scopo di firmare un'intesa che sara' stata ''bloccata'' dal si' albanese.

Nel frattempo, a Pristina il Centro informazioni albanese (Kic) ha reso noto che e' continuata anche oggi l'offensiva serba nelle regioni di Mitrovica e Vucitrn, dove circa 7.000 civili sarebbero stati costretti ad abbandonare i loro villaggi. L'Esercito jugoslavo avrebbe anche bombardato il villaggio di Zhilivode, nei pressi di Vucitrn, e quattro villaggi nella regione di Podujevo.

(Ses/Zn/Adnkronos)