KOSOVO: FIRMANO GLI ALBANESI, I SERBI NO (NUOVO) (4)
KOSOVO: FIRMANO GLI ALBANESI, I SERBI NO (NUOVO) (4)

(Adnkronos/Dpa)- La Serbia, ha aggiunto, ''non perdera' la guerra, potra' solo perdere la pace''. E al Pentagono si conferma che il dispositivo militare dislocato da Milosevic e' sufficiente per ''obliterare'' il Kosovo.

La delegazione albanese a Parigi ha esortato la Nato a non esitare a lanciare i raid in Serbia in mancanza di un'adesione all'accordo da parte di Belgrado. ''Con la nostra firma consideriamo chiusa la questione -ha dichiarato il portavoce della delegazione albanese, Veton Surroi- Non siamo disposti a partecipare a nuovi negoziati''.

Dopo aver firmato il documento, la delegazione albanese si rechera' domani a Mons, Belgio, per consultazioni con il Comando supremo delle forze alleate in Europa della Nato, dopodiche' si dividera': una parte dei delegati tornera' nel capoluogo kosovaro Pristina e l'altra si rechera' a Washington su invito della Albright.

Sempre a Parigi, il portavoce del dipartimento di Stato americano, James Rubin, ha accusato i serbi di non voler ''decidere per la pace'' ed ha elogiato invece la ''coraggiosa decisione'' degli albanesi di firmare il piano di pace. Rubin ha pero' anche confermato che la comunita' internazionale continua a lavorare per un accordo, ''perche' nessuno vuole fare uso della forza militare, non e' questo l'obiettivo. L'obiettivo e' la pace''. Si profila quindi l'ipotesi di concedere ai serbi qualche giorno di riflessione con la speranza che tornino a Parigi a meta' della prossima settimana con l'unico scopo di firmare un'intesa che sara' stata ''bloccata'' dal si' albanese. (segue)

(Ses/Zn/Adnkronos)