POLITICA ESTERA: PER L'ITALIA UN RUOLO DI ''BATTISTRADA'' (3)
POLITICA ESTERA: PER L'ITALIA UN RUOLO DI ''BATTISTRADA'' (3)
SILVESTRI, ANDIAMO MENO A RIMORCHIO DEGLI ALLEATI

(Adnkronos) - Dal canto suo, il professore Stefano Silvestri ha rilevato che, rispetto al passato, la nostra politica estera e' divenuta ''meno commerciale e piu' politica: con la fine del mondo bipolare, siamo stati chiamati a diventare un Paese in grado di decidere le nostre politiche, senza andare piu' a rimorchio del blocco al quale appartenevamo, ad assumerci le nostre responsabilita'''.

Quanto alle visite di Khatami e Jiang, il vice presidente dello Iai ha ricordato che ''nei confronti di Iran e Cina c'e' una vecchia tradizione di rapporti: l'Italia e' stato uno dei primi Paesi ad aprire a Pechino, subito dopo la Francia di De Gaulle, e ha sempre mantenuto una tradizione di rapporti commerciali''. Per quanto, politicamente, abbia meno spazio di manovra - come del resto i suoi partner europei - rispetto agli Stati Uniti.

Differente la situazione delle relazioni con l'Iran, perche' - ha spiegato Silvestri - ''la politica italiana di ripresa del dialogo con il regime di Teheran ha fatto un po' da avanscoperta per la posizione europea''. (segue)

(Nap/Zn/Adnkronos)