SAVOIA: EMANUELE FILIBERTO - MONS. SARDOU, 'UNA BUGIA'
SAVOIA: EMANUELE FILIBERTO - MONS. SARDOU, 'UNA BUGIA'
'NO COMMENT' DEL VATICANO

Roma, 18 mar. - (Adnkronos) - ''E' una bugia, frutto di immaginazione''. E' secca la smentita di monsignor Joseph Marie Sardou, vescovo di Monaco, indicato oggi dai giornali come mediatore di una possibile trattativa tra il Vaticano e i Savoia per permettere al principe Emanuele Filiberto di arrivare in Italia per la Giornata mondiale della Gioventu', il 19 agosto del 2000. Raggiunto per telefono in Francia dall'Adnkronos, il vescovo monegasco ha detto: ''non e' leale attribuirmi un ruolo che non mi compete. Io non sono al corrente di niente -ha aggiunto- Questa notizia che smentisco categoricamente, mi stupisce moltissimo''. Alle parole di Sardou fa eco la sorpresa del Vaticano. La sala stampa della Santa Sede, sulla vicenda si limita ad un laconico e diplomatico ''no comment''. Una iniziativa del genere, da parte delle autorita' d'Oltretevere, creerebbe imbarazzo nei rapporti con lo Stato italiano, al quale spetta la soluzione legislativa ai problemi posti ai Savoia dalla 13esima disposizione finale della Costituzione.

Il Vaticano potrebbe ricevere in udienza, sul proprio territorio, il principe Emanuele Filiberto -e in questo caso lo Stato italiano dovrebbe consentire l'ingresso attraverso la propria frontiera- mentre altra situazione si profilerebbe per un evento come quello della Giornata mondiale della Gioventu'. L'evento giubilare, infatti, si svolgera' a Tor Vergata, e quindi esclusivamente su territorio italiano. (segue)

(Gia-Iac/Zn/Adnkronos)