''IL MESSAGGERO'': RADICALI OCCUPANO PORTINERIA, PER PROTESTA
''IL MESSAGGERO'': RADICALI OCCUPANO PORTINERIA, PER PROTESTA
IL DIRETTORE DEL GIORNALE, PIETRO CALABRESE, NESSUN CENSURA

Roma, 23 mar. (Adnkronos) - Alcuni militanti radicali, imbavagliati, hanno protestato questa mattina nella sede del ''Messaggero'', a Roma. Erano presenti, tra gli altri, il coordinatore del partito, Marco Cappato, Rita Bernardini e Paolo Pietrosanti. Il gesto -hanno spiegato con un comunicato- e' stato deciso dopo che il quotidiano avrebbe ''scientificamente espunto e cancellato le parole del partito radicale nel dare notizia delle manifestazioni in occasioni della visita del presidente cinese Jiang Zemin a Roma''.

Nel comunicato diffuso dal partito radicale si afferma che alle ore 12.45 di questa mattina, i militanti avrebbero ''occupata la direzione del quotidiano''. Pietro Calabrese, direttore del ''Messaggero'', ha smentito questa versione, precisando che ''quattro rappresentanti del partito radicale sono entrati nella portineria di via del Tritone e li' sono rimasti non piu' di dieci minuti. Ognuno tenta di farsi pubblicita' come puo', o come sa''. Quanto alle accuse sulle presunte censure, Calabrese ha dichiarato all'Adnkronos: ''Nessuno ha cancellato o scientificamente espunto ne' le dichiarazioni ne' le parole dei radicali''.

(Sin/As/Adnkronos)