KOSOVO: D'ALEMA, SE CONTINUA GUERRA INEVITABILE REAZIONE NATO (3)
KOSOVO: D'ALEMA, SE CONTINUA GUERRA INEVITABILE REAZIONE NATO (3)
DOBBIAMO DECIDERE, VOGLIAMO CHE FINISCA COME IN BOSNIA?

(Adnkronos) - ''Nel Kosovo -continua il premier- c'e' una guerra. Da una parte c'e' un esercito, dall'altra ci sono un milione 500 mila cittadini albanesi che rivendicano i loro diritti, sia pure come minoranza all'interno della Repubblica jugoslava. Questo esercito bombarda, decine di migliaia di persone sono in fuga: profughi verso la Macedonia, l'Albania, l'Italia. Noi -afferma D'Alema- dobbiamo decidere: assistiamo a tutto questo? Vogliamo che nel Kosovo finisca come in Bosnia, dove abbiamo avuto le fosse comuni, gli stupri etnici. Oppure la Comunita' internazionale intende fare qualcosa? Questo -afferma il premier- e' il vero interrogativo''.

''L'Italia -spiega D'Alema- fa parte di una alleanza militare che garantisce la sicurezza del nostro Paese''. E a chi ipotizza rischi per la popolazione civile italiana, il premier replica: ''di tutto abbiamo bisogno meno che di fantasie. Siamo indubbiamente in una posizione esposta, anche perche' c'e' gia' questa guerra al di la' dell'Adriatico. Siamo esposti... Basta pensare ai profughi che arrivano e potrebbero arrivare a migliaia, se la guerra non verra' arrestata. Ma siamo anche un paese che fa parte di una alleanza militare -ribadisce il presidente del Consiglio- che dispone di mezzi per garantire la sicurezza dei suoi cittadini. Qui non e' in pericolo la sicurezza degli italiani''.

(Pol/As/Adnkronos)