KOSOVO: SCALFARO, QUANDO IL GOVERNO HA PRESO UN IMPEGNO...
KOSOVO: SCALFARO, QUANDO IL GOVERNO HA PRESO UN IMPEGNO...

Gavinana (PT), 23 mar. (Adnkronos) - ''Quando un governo ha preso un impegno lo deve mantenere, se poi ci sono le riserve mentali....''. Lo ha affermato il presidente della Repubblica, Oscar Luigi scalfaro, conversando con i giornalisti, a conclusione della visita fatta questa mattina alla Fondazione Turati, un centro per anziani e per la riabilitazione motoria sulla montagna pistoiese a Gavinana. ''Cominciamo a pensare che quello che conta -dice Scalfaro riferendosi Scalfaro all'impegno del governo per la pace nel Kosovo- e' un enorme impegno collettivo, globale, dato che questo termine ha una buona quotazione sul mercato delle parole''. Al presidente della Repubblica e' stato poi chiesto se, a suo giudizio, ci fosse ancora un margine per trattare. ''C'e' differenza, l'ho detto altre volte -ha affermato Scalfaro- tra un politico e un profeta. Io non ho fatto ancora domanda al sindacato dei profeti, temo di non averne i titoli. E' vero -ha aggiunto- ci sono venti di guerra, ma il nostro compito e' quello di fare tutto il possibile, e poi l'impossibile perche' la guerra non paga mai''.

Il presidente della Repubblica ha poi aggiunto: ''e' mai possibile che questi si ammazzino per poi, al termine, quando sono stremati, sedersi a trattare? E' inutile dire ora facciamo la guerra e poi trattiamo: lo potevamo fare prima. La storia ci ha insegnato duramente la legge dell'inutilita' della guerra''.

''Siamo d'altra parte -ha detto ancora il presidente della Repubblica- in una barca dove le decisioni singole non contano, perche' il momento e' difficile. E quando siamo sulla stessa barca occorrono decisioni prese insieme per fare in modo che ci possa essere uno spazio e fino a quando c'e' vita lo spazio c'e', e si deve provare per impedire di entrare nella fase in cui non c'e' piu' nulla da fare. Oltretutto, quando questo e' avvenuto in passato, riesaminato dopo, non e' mai risultato vero. Questo e' avvenuto tanto per la prima quanto per la seconda guerra mondiale''.

(Afi/Pe/Adnkronos)