KOSOVO: MONTANELLI PROMUOVE D'ALEMA E BOCCIA IL PAPA
KOSOVO: MONTANELLI PROMUOVE D'ALEMA E BOCCIA IL PAPA

Roma, 27 mar. (Adnkronos) - Sulla guerra in Kosovo, Indro Montanelli promuove l'operato di Massimo D'Alema e boccia il pacifismo di Giovanni Paolo II. ''Noi, come membri della Nato, abbiamo alcuni impegni. All'interno delle alleanze si possono mantenere posizioni di critica e di contrasto, pero' gli impegni bisogna mantenerli'', ha detto il decano dei giornalisti italiani intervistato da Alain Elkann per il suo programma su Tmc. Montanelli non si e' detto sorpreso per le mutevoli posizioni dell'opinione pubblica del nostro Paese sulla crisi nei Balcani: ''Gli italiani sono affetti da un continuo voltagabbanismo, i quali non sanno mai stare dentro un'alleanza scelta da loro''.

Il comportamento tenuto dalla maggioranza parlamento sui raid della Nato e' giudicato tutto sommato in modo positivo da Montanelli: ''Data una pubblica opinione come quella italiana, il governo D'Alema l'ha affrontata abbastanza bene''. Ad Elkann che gli faceva notare che anche il presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro aveva sottolineato l'importanza del rispetto dei patti internazionali, Montanelli ha risposto: ''Per una volta mi trovo d'accordo con Scalfaro, e' raro, ma insomma per una volta!''.

Montanelli non ha invece risparmiato critiche all'atteggiamento della Santa Sede: ''Il Papa fa il suo mestiere, dice sempre che non bisogna rubare ma non indica mai i modi per impedire il furto''. Il noto giornalista non crede, infine, che esista un pericolo russo, il rischio di un sostegno diretto di Mosca a Belgrado: ''Puo' anche darsi che i russi diano le loro armi ai serbi perche' non sanno cosa farsene, ma non c'e' un pericolo di intervento in guerra''.

(Sin/Pe/Adnkronos)