CINEMA: DIVE DI HOLLYWOOD,DISCRIMINATE RISPETTO AGLI UOMINI (2)
CINEMA: DIVE DI HOLLYWOOD,DISCRIMINATE RISPETTO AGLI UOMINI (2)

(Adnkronos) - Mettere il nome di Tom Cruise, Tom Hanks, Mel Gibson, John Travolta, Harrison Ford e Jim Carrey (tutti divi che veleggiano sui 20 milioni di dollari di cachet) come protagonisti di un film catalizza al cinema un pubblico piu' numeroso di quanto accade quando come interprete principale di una pellicola c'e' una donna.''E' giusto che Julia Roberts guadagni quella cifra visto che e' la sola donna che abbia un magnetismo tale da riuscire a competere al box office con gli uomini'', ha ammesso Meryl Streep che pero, qualche anno fa, si era lamentata soprattutto perche' le donne hanno meno possibilita' di avere ruoli da protagoniste nei film. Molto piu' dura Andie MacDowell che ha dichiarato alla Bbc: ''Non credo che esista una formula per cui la gente vada a vedere i film solo se sono interpretati dagli uomini. E' un'idea ridicola. In generale il 90 per cento dei produttori sono uomini'',

''E' solo un business -aggiunge Jamie Lee Curtis- non credo che le donne non abbiano la stessa capacita' di portare la gente al cinema''. Ma resta ancora il dato che la Screen Actors Guild, l'associazione degli attori americani, stilo' qualche anno fa: gli attori americani, a tutti i livelli, guadagnano il doppio delle attrici e ottengono il 71 per cento dei ruoli a disposizione.

(Spe/Pe/Adnkronos)