MUSICA: BOCELLI, AL QUARTO POSTO NELLE CLASSIFICHE AMERICANE
economia
cronaca
spettacoli
sport
cultura
salute
lavoro
sostenibilità
internazionale
multimedia
regioni
immediapress
Segui Adnkronos

Sfoglia l'archivio Adnkronos


MUSICA: BOCELLI, AL QUARTO POSTO NELLE CLASSIFICHE AMERICANE

Los Angeles, 8 apr. - (Adnkronos) - Andra Bocelli ha esordito conquistando il quarto posto nelle classifiche di vendita americane degli album. Alla sua prima settimana di permanenza, il nuovo disco del tenore toscano, 'Sogno', si e' subito piazzato a ridosso del podio con 149mila copie vendute fino al week end del 4 aprile scorso, come ha comunicato la 'Polydor'. Meglio di Bocelli hanno fatto solo Britney Spears con `Baby one more time', al primo posto con 273mila copie vendute; le Tlc con `FanMail', seconde; Eminem con `The slim shady Lp', terzi. Chiudono la 'top five', dietro a Bocelli e al quinto posto, gli Offspring con `Americana'.

Nell'altra classifica americana 'World music chart' 'Sogno' e' invece entrato direttamente al primo posto per un totale di 1.044.000 copie vendute in totale negli Usa in una settimana. Un risultato senza precedenti per un artista italiano, come sottolinea la 'Sugar'. In Europa, 'Sogno' e' ai vertici delle classifiche praticamente ovunque. In Italia e' terzo, in Austria settimo con gia' un disco d'oro all'attivo, in Belgio decimo, nella Repubblica Ceca quinto con un disco di platino, in Finlandia quarto, in Francia settimo con un disco d'oro, in Germania sesto, in Olanda primo con un disco d'oro, in Norvegia secondo con un disco d'oro, in Portogallo primo con un disco di platino, in Svezia terzo, in Svizzera primo e in Gran Bretagna ventunesimo.

Nel resto del mondo, Bocelli e' primo in Canada, sesto in Australia e in Venezuela vanta gia' un disco d'oro. Bocelli partira' con un tour americano il prossimo 11 aprile da Phoenix per toccare le arene di San Diego, Los Angeles, San Francisco, Vancouver, Seattle. Ai concerti del tenore ci saranno, come ospiti, star del calibro di Kirk Douglas, Liz Taylor, Harrison Ford e Jack Nicholson.

(Spe/Pn/Adnkronos)