MARTA RUSSO: SINISCALCHI, COMPRENSIBILE PROTESTA GENITORI MA...
MARTA RUSSO: SINISCALCHI, COMPRENSIBILE PROTESTA GENITORI MA...
MENTANA, GLI INTERESSATI HANNO IL DIRITTO DI DIRE LA LORO

Roma, 5 giu. (Adnkronos)- ''Comprendo i sentimenti dei genitori di Marta Russo, ma purtroppo queste sono le fredde leggi del mercato televisivo''. E' il giudizio di Vincenzo Siniscalchi, difensore di Salvatore Ferraro, sulla presa di posizione dei genitori di Marta Russo contro lo 'special' di 'Porta a Porta' al quale partecipano i due condannati per l'omicidio della figlia. ''Mi sembra che la loro protesta sia indirizzata alla televisione pubblica piu' che ai condannati -osserva-. E comunque e' un atteggiamento che va rispettato. Certo, le leggi dei media spesso appaiono poco umane. Ma -fa notare Siniscalchi- dal punto di vista giuridico non si puo' tacere che la condanna, peraltro non definitiva, non impedisce ai mezzi di informazione di intervistare il condannato''.

E, a questo proposito, il legale di Ferraro fa l'esempio degli ex terroristi: ''Basti pensare a quante volte sono stati trasmessi speciali sulle persone ritenute responsabili dell'assassinio di Aldo Moro. Insomma, se si tiene presente che i media danno spazio anche alle persone condannate definitivamente all'ergastolo -conclude Siniscalchi- allora, forse il sentimento di protesta dei Russo si potrebbe stemperare''.

Di parere analogo il direttore del Tg5, Enrico Mentana che osserva: ''Se si ritene che gli interessati non abbiano il diritto di dire la loro, allora tutto diventa piu' difficile. Certo -aggiunge- non c'e' dubbio che le affermazioni dei condannati e quelle dei genitori della vittima non vanno poste sullo stesso piano''. E, pur condividendo ''gran parte delle cose scritte dai Russo nella lettera alla commissione Vigilanza'', Mentana conclude: ''Tuttavia, considerare il parere dei genitori di Marta come il parere dello psicologo di turno o del giornalista e' sbagliato''.

(Sin/Pe/Adnkronos)