GIUSTIZIA: GROSSO, PENE MINORI MA DA SCONTARE VERAMENTE (3)
GIUSTIZIA: GROSSO, PENE MINORI MA DA SCONTARE VERAMENTE (3)
RIDURRE FORTEMENTE AMBITI PER SOSPENSIONE CONDIZIONALE PENA

(Adnkronos) - Ma per rendere il sistema penale ''sufficientemente incisivo'' la Commissione di riforma ipotizza ''una forte riduzione dell'ambito di applicabilita' della sospensione condizionale della pena''. In particolare, spiega Grosso, ''nei confronti delle pene diverse dal carcere, soprattutto quelle pecuniarie, una parte della Commissione ritiene opportuno abolire addirittura l'istituto della sospensione condizionale, in modo che il cittadino sappia che, nel caso compia il reato, scontera' inevitabilmente la sanzione''.

A questo proposito, Grosso cita l'esempio dell'omicidio colposo. ''Oggi -afferma- tutte le forme di omicidio colposo si concludono con una condanna ad una reclusione di pochi mesi coperti da sospensione condizionale della pena, con i danni pagati dalle assicurazioni''. Bisogna invece creare un sistema che abbia ''un'efficacia intimidativa piu' forte''. Quindi, ''prevedere che l'omicidio colposo commesso con violazione delle norme sulla circolazione stradale venga punito con la sospensione o il ritiro della patente, non sospesa condizionalmente''. Oppure che ''l'omicidio colposo realizzato dal medico con violazione delle regole di prudenza o perizia professionale, venga punito con la sospensione dall'attivita' professionale o addirittura con la cancellazione dall'albo, anch'esse non sospese condizionalmente''.

Fatta eccezione per i casi di ''reati gravi o che creano allarme sociale'', dunque, ''la previsione di pene alternative effettivamente applicate potrebbe rispondere -osserva Grosso- alla reale esigenza di razionalizzazione del sistema delle pene e di sostanziale maggiore incisivita' del sistema sanzionatorio stesso''. (segue)

(Arc/Pe/Adnkronos)