GIUSTIZIA: MACERATINI, VERO PROBLEMA LENTEZZA PROCESSI
GIUSTIZIA: MACERATINI, VERO PROBLEMA LENTEZZA PROCESSI

Roma, 12 ago. (Adnkronos) - ''Possiamo essere d'accordo in via di principio su alcuni concetti, soprattutto per quanto riguarda la riduzione del margine di discrezionalita' dei giudici''. Cosi' il sen. Giulio Maceratini, presidente del gruppo di Alleanza nazionale, commenta la relazione della Commissione Grosso al ministro della Giustizia.

''Ma il vero problema e' la lentezza dei processi: bisogna organizzare meglio il loro svolgimento e quindi le norme procedurali, in generale quelle sull'organizzazione giudiziaria. Per quanto riguarda le condanne occorre una maggiore severita' e prudenza nelle misure che consentono di sottrarsi all'espiazione delle pene, non dimenticando che la legge Gozzini e' stata soprattutto pensata per coloro che delinquono per la prima volta e che non vanno mescolati con i recidivi e gli abituali. Quindi il problema delle carceri separate fra ''primari'' e recidivi-abituali e' fondamentale. Infine bisogna fare attenzione a quali reati classificare come ''piu' gravi e di allarme sociale'', tenendo conto di furti, rapine, scippi e altri reati che rientrano nella cosiddetta 'criminalita' diffusa' e che in linea di principio non creano particolare allarme sociale ma sicuramente allarme nei cittadini e frustrazione nelle forze dell'ordine''.

(Com-Min/Gs/Adnkronos)