CHIESA BATTISTA: L'ULTIMA CROCIATA, CONVERTIRE GLI EBREI
CHIESA BATTISTA: L'ULTIMA CROCIATA, CONVERTIRE GLI EBREI
LA CAMPAGNA PARTE IN COINCIDENZA CON IL CAPODANNO ISRAELITICO

Washington, 9 set. (Adnkronos/Washington Post)- Convertire gli ebrei. E' questo l'obiettivo dell'ultima crociata lanciata dalla Chiesa americana battista con la pubblicazione di un libretto di preghiere, gia' definito un ''insulto'' dai leader delle comunita' israelitiche statunitensi. Uscito questa settimana in edizione tascabile la guida, che verra' distribuita dalla commissione internazionale battista alle 40 mila chiese del paese a partire da domani sera in coincidenza con l'inizio del Rosh Hashana, i festeggiamenti del capodanno ebraico, contiene le foto di grandi rabbini, l'elenco dei luoghi sacri dell'ebraismo e le tecniche per evangelizzare gli ebrei, con suggerimenti del tipo: ''pregate ogni giorno per ebrei di cui conoscete il nome e stabilite rapporti di amicizia con loro''.

Immediata la reazione dei capi religiosi israelitici. ''Noi vorremmo un po' meno di amore e un po' piu' di rispetto'', ha commentato il rabbino Eric Yoffie, presidente dell'Unione delle Congregazioni ebraiche americane. ''Questa sorta di arroganza teologica -ha detto- che si prefigge di influenzare il rapporto di ciascuno con dio e la totale assenza di riguardo che caratterizza iniziative del genere e' associabile alla coercizione, all'odio e alla violenza''.

Ma quella che agli ebrei sembra una volgare provocazione, per i battisti, circa 15 milioni e 600 mila negli Stati Uniti, e' una missione dettata dalla Bibbia. Iniziative del genere ce ne sono state anche in passato. Due anni fa tocco' ai musulmani, con l'uscita in coincidenza del Ramadan di un libello simile a quello stampato in questi giorni. Nei prossimi mesi, obiettivo saranno buddisti e hindu.

(Raf/As/Adnkronos)