TIMOR EST: ARPINO, POSSIBILE QUALCHE CASCO BLU ITALIANO
TIMOR EST: ARPINO, POSSIBILE QUALCHE CASCO BLU ITALIANO

Roma, 9 set. - (Adnkronos) - ''Ci potra' essere qualche militare italiano anche a Timor Est se l'Onu decidera' in questo senso''. Intervenuto a Roma ad una cerimonia del Genio dell'Esercito, il capo di Stato Maggiore della Difesa Gen. Mario Arpino ha ipotizzato cosi' un possibile invio di Caschi Blu italiani nel Sudest Asiatico. ''Noi -ha osservato a margine di una cerimonia alla quale prende parte anche il ministro della Difesa Carlo Scognamiglio- impieghiamo gia' circa 11 mila uomini in tutto il mondo: 10 mila solo nei Balcani e un migliaio in altri paesi. Pochi sanno, ad esempio, che abbiamo osservatori al confine indo-pakistano. Molti di questi sono osservatori dell'Onu. In questo contesto, e' possibile che alcune unita', non organiche ma di personale, siano inviate a Timor Est. Poi ci potra' anche essere chiesta una integrazione, ma si tratterebbe sempre di un numero di persone che si conta sulle dita di una mano''.

Arpino ha pero' ricordato che ''l'Onu non ha ancora deciso l'invio di una missione perche' e' necessario il beneplacito di Giakarta''. L'eventuale intervento, comunque, ''dovrebbe essere di osservazione e non di interposizione. L'impegno italiano all'estero -ha concluso- e' gia' notevole, tenendo conto che abbiamo questa legge non scritta per cui mandiamo all'estero solamente volontari. Con questi ultimi siamo ancora a quota 30 mila. Considerando la necessaria rotazione tra i reparti, avere 11 mila uomini all'estero significa essere gia' arrivati al limite operativo''.

(Mac/Zn/Adnkronos)