TIMOR EST: FORMIGONI, INTERVENTO CON PARTECIPAZIONE ITALIA
TIMOR EST: FORMIGONI, INTERVENTO CON PARTECIPAZIONE ITALIA

Milano, 9 set. - (Adnkronos) - Sui gravi episodi che si stanno verificando nell'isola di Timor Est il presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni ha affermato che: 'l'Italia e la Comunita' Internazionale non possono assistere a braccia conserte all'eccidio di un intero popolo e della sua chiesa. Le notizie che provengono dall'isola di Timor provocano raccapriccio e indignazione, ma soprattutto impongono sul piano politico decisioni rapidissime, gravi ed efficaci''.

''Le Nazioni Unite debbono immediatamente dare il via libera a un intervento militar-umanitario di una forza armata messa a disposizione da alcuni paesi di tutti i continenti. Se non lo fanno, le Nazioni Unite decretano la propria morte politica: il referendum pro o contro l'indipendenza dell'isola e' stato organizzato e garantito dall'Onu, che non ha mai riconosciuto l'annessione di Timor Est all'Indonesia. Se ora l'Onu lascia che venga calpestato il risultato del referendum e massacrati gli elettori -ha concluso Formigoni- abdica definitivamente alla sua funzione di garante del diritto internazionale. Se la Cina decidera' di esercitare il suo diritto di veto nel Consiglio di Sicurezza, allora bisognera' rinunciare ad operare sotto l'egida dell'Onu e raccordarsi col Governo del Portogallo per un'azione comune.

(Red-Dra/Lr/Adnkronos)