LEGGE BACCHELLI: A SCRITTORE GAVINO LEDDA E A POETESSA CASCELLA
LEGGE BACCHELLI: A SCRITTORE GAVINO LEDDA E A POETESSA CASCELLA
IL GOVERNO ASSEGNA VITALIZIO ANCHE ALL'EX PUGILE CARMELO BOSSI

Roma, 10 set. - (Adnkronos) - Lo scrittore sardo Gavino Ledda, autore del libro autobiografico ''Padre padrone'', bestseller a meta' degli anni Settanta e portato sul grande schermo dai fratelli Taviani, ha ottenuto i benefici della Legge Bacchelli. Lo ha deciso oggi il Consiglio dei ministri, attribuendo lo stesso vitalizio anche alla poetessa Anna Maria Cascella e all'ex pugile Carmelo Bossi, campione mondiale dei pesi welters nel 1970. Ciascuno di loro tre avra' un assegno di 24 milioni annui, suddivisi in rate mensili di due milioni. Il riconoscimento della Legge Bacchelli viene attribuito da Palazzo Chigi a personalita' che hanno illustrato la patria ma che ora si trovano in disagiate condizioni economiche e in precarie condizioni di salute. Godono attualmente del provvedimento una ventina di persone. Fu varato nel 1985, sull'onda di una vasta mobilitazione dell'opinione pubblica, per aiutare in particolare lo scrittore Riccardo Bacchelli, autore del romanzo ''Il mulino del Po'', il quale, piu' che novantenne, viveva quasi in poverta'. (segue)

(Pam/Pn/Adnkronos)