ANDREOTTI: E MARTEDI' ARRIVA PRIMO SI' A RIFORMA PENTITI
ANDREOTTI: E MARTEDI' ARRIVA PRIMO SI' A RIFORMA PENTITI
IL RELATORE AL SENATO, SIAMO PRONTI PER APPROVARE DDL

Roma, 25 set. (Adnkronos) - Dopo due anni e mezzo di stallo, potrebbe arrivare in pochi giorni il primo via libera alle nuove norme sui pentiti. Un provvedimento finora fermo in commissione Giustizia al Senato. Ma che ora, proprio all'indomani della sentenza del processo Pecorelli che ha riaperto le polemiche sulle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia, sta per ottenere il 'disco verde' dei commissari di Palazzo Madama. ''Siamo pronti ad approvare la riforma, gia' martedi' prossimo'', conferma il popolare Luigi Follieri, relatore del ddl in Commissione.

Follieri pero' non vuole sentir parlare di accelerazioni legate alla sentenza della Corte d'Assise di Perugia. ''Anzi, quella sentenza -sottolinea- ha dato la giusta dimensione alle parole dei pentiti: se non vengono riscontrate le loro dichiarazioni, non e' possibile arrivare ad un riconoscimento di credibilita'''.

A far arenare la discussione sulla riforma delle norme sui collaboratori era stato lo 'scoglio' della modifica dell'articolo 192 del codice di procedura penale. Cioe', la prassi sulle cosiddette 'dichiarazioni incrociate' tra i pentiti. La difficolta' a trovare un accordo sulla questione ha spinto Follieri a ritirare dal provvedimento di riforma sui pentiti le modifiche al 192. ''Modifiche -spiega- che sono state inserite in un nuovo ddl, quello sulla formazione della prova. Ci sono gia' diversi testi, uno dei quali -riferisce Follieri- l'ho presentato io. La questione delle 'dichiarazioni incrociate' verra' quindi affrontata nell'ambito della discussione su questo nuovo disegno di legge''. Assieme a quella che prevede la riforma di un altro articolo del codice di procedura penale, il 197, che disciplina fin dal momento della formazione della prova le regole per le dichiarazioni dei collaboratori o dei coimputati. (segue)

(Arc/Gs/Adnkronos)