PACE: D'ALEMA, C'E' BISOGNO DI DIALOGO E COLLABORAZIONE
PACE: D'ALEMA, C'E' BISOGNO DI DIALOGO E COLLABORAZIONE
IL PRESIDENTE RISPONDE A RESPONSABILI ''TAVOLO PER LA PACE''

Roma, 25 set. (Adnkronos)- ''Abbiamo bisogno di stabilire un dialogo serio e modi concreti di collaborazione, che ci permettano davvero di consolidare l'azione internazionale del nostro paese e far avanzare il comune ideale di un mondo piu' pacifico e democaratico''. Il presidente del Consiglio, Massimo D'Alema, con una lunga lettera aperta, pubblicata oggi su ''L'Unita''' e sull' ''Avvenire'', risponde ai coordinatori del ''Tavolo per la Pace'', promotori della Marcia Perugia-Assisi accettando l'invito ad un incontro.

Concordando con la necessita' di una prevenzione dei conflitti -''finche non riusciremo a dare peso maggiore alla prevenzione -scrive D'Alema- le tragedie umanitarie continueranno a susseguirsi''- il Presidente raccoglie ''l'invito a riflettere'' precisando che ''siamo i primi interessati a trovare soluzioni praticabili, utili e sostenibili nel tempo'' per stabilire una concreta partnership, un dialogo effettivo tra societa' civile e governo nella promozione dei diritti umani in campo internazionale. D'Alema si dichiara d'accordo con le questioni principali sottoposte dai promotori della Marcia, dalla ''necessita' di mettere la prevenzione delle crisi al centro della nostra attenzione'', al ''rapporto tra il diritto/dovere all'intervento umanitario e la salvaguardia della sovranita' degli stati''. L'obiettivo, sottolinea D'Alema, ''e' di passare da una visione delle relazioni internazionali interamente imperniata sulla sicurezza degli Stati ad una in cui contino altrettanto la sicurezza delle persone e la tutela dei diritti umani'', anche se, non si nasconde il Presidente, vi sono ''una serie di problemi delicatissimi da risolvere''. Da qui la disponibilita' ad un incontro per ''stabilire un dialogo serio e modi concreti di collaborazione''.

(Sin-Bis/As/Adnkronos)