RIFORME: FINI, BASTA CON DIALOGO E PROFUMO D'INCIUCIO
RIFORME: FINI, BASTA CON DIALOGO E PROFUMO D'INCIUCIO
SE SALTA VOTO ITALIANI ESTERO CHIUDIAMO QUALSIASI RAPPORTO

Roma, 25 set. (Adnkronos) - ''Il dialogo per il dialogo, il profumo di inciucio che per anni la maggioranza ha diffuso nel Polo sono soltanto un anestetico per addormentarci. In Parlamento e' prioritaria una forte opposizione al governo''. Gianfranco Fini ribadisce la linea di An alla ripresa dell'attivita' politica davanti all'assemblea nazionale del partito. ''Se mercoledi' -prosegue il presidente del partito- saltera' la legge sul voto degli italiani all'estero sara' la prova provata che e' impossibile avere alcun tipo di dialogo con questa maggioranza''.

Quanto alle divergenze con Forza Italia sulla legge elettorale Fini minimizza. ''Non e' possibile che ogni incontro con gli alleati sia un vertice, ogni divergenza sia una polemica, ogni discussione sia un attrito... La differente posizione tra noi e Fi sulla legge elettorale e' assolutamente coerente con quella manifestata durante la celebrazione del referendum e questo non significa assolutamente che venga meno l'alleanza strategica del Polo''.

La legge elettorale, per il presidente di An, ''e' soltanto un mezzo per rafforzare il bipolarismo e il maggioritario, non certo il fine o una strategia politica. Pensate forse che se per caso, e io spero di no, si arrivasse ad una legge elettorale proporzionale, noi avremmo una differente posizione contro la sinistra rispetto a Fi o al Ccd?''. A questo proposito Fini lancia una proposta: ''perche', se si vuole evitare il referendum, non si fa semplicemente una legge che trasferisca il sistema elettorale del Senato alla Camera?''.

(Rao/As/Adnkronos)