SECURITY DAY: FINI, TUTTO POLO SI BATTE PER LA LEGALITA'
SECURITY DAY: FINI, TUTTO POLO SI BATTE PER LA LEGALITA'
CON BERLUSCONI E CASINI PRESTO PRESENTEREMO PDL

Torino, 16 ott. (Adnrkonos) - Sceglie non a caso San Salvario, quartiere noto alle cronache per i numerosi episodi di criminalita', Gianfranco Fini, per celebrare anche a Torino il mese della sicurezza. E subito il leader di An precisa: ''Non c'e' alcun contrasto con altre iniziative che sul tema della sicurezza si svolgono e che sono organizzate dai nostri alleati, come il 'Security day' promosso da Forza Italia. Con Berlusconi e Casini abbiamo concordato nei giorni scorsi di dar vita a numerose iniziative, ognuno con il proprio simbolo, e poi, al termine di questa mobilitazione, di presentare in Parlamento pdl di tutto il Polo''.

Illustrando le iniziative messe a punto da An per combattere la criminalita' organizzata, Fini osserva: ''per noi sicurezza significa innanzitutto controllo del territorio, che vuol dire piu' mezzi e maggiori motivazioni per le Forze dell'ordine. In secondo luogo, e' necessario garantire non solo la certezza delle pene, fatto sul quale a parole sono tutti d'accordo, ma anche la possibilita' di celebrare processi in tempi rapidi. Troppe volte si arrestano pesone che poi escono per decorrenza dei termini, senza che nemmeno ci sia stato il giudizio di primo grado''.

Il presidente di An segnala i problemi dell'immigrazione e della droga. ''Per quanto riguarda l'immigrazione -spiega Fini- chiediamo piu' rigore nei confronti di coloro che entrano clandestinamente, considerando reato l'ingresso illegale nel nostro Paese e vietando le sanatorie. L'immigrazione non controllata e non integrata -aggiunge infatti- determina contrasti sociali forti. A proposito della droga, invece, consideriamo estremamente grave che, dopo il referendum, nella nostra legislazione non ci sia piu' la possibilita' di arrestare se non in presenza di casi in cui sia presumibile lo spaccio. Per questo chiediamo norme piu' severe''. (Abr/Pe/Adnrkonos)

null