SALUTE: PER ITALIANI DIFFICILE VINCERE A BREVE CANCRO E AIDS
SALUTE: PER ITALIANI DIFFICILE VINCERE A BREVE CANCRO E AIDS

Roma, 12 gen. - (Adnkronos/Adnkronos Salute) - Fiduciosi ma non troppo. Dalla scienza del nuovo secolo gli italiani si aspettano la vittoria su alcune gravi malattie, ma non sono convinti che in tempi brevi si troveranno cure efficaci contro il cancro e l'Aids. E sono proprio i tumori e la sindrome da immunodeficienza acquisita in testa alla 'classifica' delle malattie che piu' fanno paura, indicate, rispettivamente, dal 75,4% e dal 36,6% dei nostri connazionali. A fotografare paure e speranze degli italiani e' un sondaggio realizzato dall'inserto ''Salute'' in edicola domani con il quotidiano ''la Repubblica''.

A 'pensare positivo' sono soprattutto le donne e i giovani, gli abitanti del Nord, del Centro e delle grandi citta', i piu' convinti che nel nuovo millennio possano essere risolti molti dei problemi che affliggono la salute. Secondo tre italiani su cinque, pero', nessuna delle malattie che piu' fanno paura verra' debellata nei prossimi due anni. Vecchie pure, inoltre, tornano ad impensierire i nostri connazionali: il 32,9% ritiene che stiano ricomparendo alcune malattie che si pensava fossero state sconfitte definitivamente. Le cause di questo 'ritorno' sono l'immigrazione, secondo il 19,6% degli intervistati, e il degrado ambientale (18,3%), ma anche ''nessuna politica di salvaguardia della salute pubblica e il malfunzionamento delle strutture sanitarie'' (4,8%).

Promosse le campagne d'informazione, considerate utili dal 7,8% del campione, ma 'bocciate' trasmissioni tv e riviste specializzate: quasi un italiano su 2 esprime giudizio negativo sulla qualita' dell'informazione scientifica, accusata di essere quasi sempre incomprensibile dal 68,1%.

(Red/Zn/Adnkronos)