BATTISTI-MOGOL: ISPIRAZIONE PARANORMALE DIETRO 'L'ARCOBALENO' (2)
BATTISTI-MOGOL: ISPIRAZIONE PARANORMALE DIETRO 'L'ARCOBALENO' (2)
L'AUTORE, 'LUCIO FORSE E' IL REGISTA DI QUESTA STORIA'

(Adnkronos) - ''Io, su questa vicenda, sono confuso, non so cosa pensare: non ho mai avuto a che fare con la parapsicologia e, in generale, sono scettico su questi temi. Ma sono testimone, come lo sarebbe chiunque, di tanti fatti di cui ho dovuto prendere atto. Ho ascoltato quello che dicevano i messaggi che mi sono arrivati e sono rimasto in dubbio per diversi giorni. Quando ho raccontato a Gianni Bella, Celentano e Claudia Mori questa cosa, dissi anche che avrei scritto il testo solo nel caso mi fosse giunta una musica particolare che mi inducesse a farlo. In quel momento Bella aveva gia' in mano la cassetta con la musica de 'L'arcobaleno'''.

''Non ho voluto parlare di questo prima perche' non desideravo assolutamente che tutto cio' potesse influenzare positivamente le vendite del disco -spiega Mogol all'Adnkronos-. Ora, che la vicenda e' stata ricostruita, non mi sento di negare. Io no so se Lucio sia il regista di questa storia, credo che una volta accertati i fatti ognuno debba avere un'opinione personale. Certo e' che c'e' un altro fatto accaduto che mi ha sconvolto di cui non voglio parlare. Devo dire che non c'e' una parola di quanto mi sia giunto attraverso i messaggi che non abbia un profondo senso di umanita' e di dolce rammarico''.

Intanto l'opera di Battisti-Mogol continua a diffondersi e a fare scuola in tutto il mondo: la facolta' di Lettere e filosofia dell'Universita' di Salamanca,in Spagna, ha istituito un corso che ha per titolo 'Mogol-Battisti: parole, sentimenti, emozioni, sogni' che verra' inaugurato martedi' prossimo alla presenza dello stesso Mogol. E' la terza universita' che dedica un corso all'opera degli autori di 'Emozioni' dopo quella di Lecce e di Padova. ''Una bella notizia per la cultura popolare -commenta Mogol- che comincia a entrare in spazi che le sono stati sempre negati. Il segnale anche di un cambio generazionale del mondo accademico''.

(Mag/Rs/Adnkronos)