REFERENDUM: CALLIERI, GLI SCIOPERI NON CI PREOCCUPANO
REFERENDUM: CALLIERI, GLI SCIOPERI NON CI PREOCCUPANO
SONO PICCOLE INTEMPERANZE CHE RIENTRANNO, BISOGNA SDRAMMATIZZARE

Padova, 14 gen. - (dall'inviato della Adnkronos Dario Converso) - Confindustria non e' preoccupata per gli scioperi spontanei verificatisi dopo il si' degli imprenditori ai referendum. Ad assicurarlo e' lo stesso vice presidente Carlo Callieri che alla Adnkronos a conclusione di un incontro con il Consiglio generale degli industriali del Veneto, per presentare la sua candidatura ai vertici della confederazione, sottolinea: ''gli scioperi? No, non ci preoccupano. Sono manifestazioni di piccole intemperanze che rientreranno nel momento in cui ci si rendera' conto che i temi sottesi ai referendum non minacciano i diritti dei lavoratori e sono temi di civilta' e non certo di prepotenza. Questo lo capiranno progressivamente tutti''.

E Callieri e' sicuro che gli scioperi non creeranno problemi alla competitivita' del paese. ''Vedremo quanto durano. Vedremo quanto durano....'' commenta sicuro che non ci sono 'dissociati': il fronte confindustriale e' unito ''assolutamente -assicura- Negli organi rappresentativi non c'e' stata una sola voce di dissenso''. (segue)

(Dac/Pn/Adnkronos)