OCALAN: SOSPENSIONE MIA CONDANNA PORTERA' PACE E STABILITA'
OCALAN: SOSPENSIONE MIA CONDANNA PORTERA' PACE E STABILITA'

Ankara, 14 gen. (Adnkronos/Dpa) - Abdullah Ocalan ha ovviamente accolto con grande soddisfazione la decisione del governo turco di sospendere la sua esecuzione, sostenendo che a questo punto si apre veramente la strada alla riforme necessarie a portare la pace e la stabilita' in Turchia. In una dichiarazione diffusa dai suoi legali, Ocalan ha affermato che il Partito dei lavoratori curdi (Pkk) e' pronta ad agire in maniera costruttiva se lo Stato turco attuera' le riforme necessarie.

''Spero che questa decisione porti la pace e la democrazia. Avevo paura che il futuro del Paese sarebbe stato compromesso da una decisione sbagliata - ha detto Ocalan dal carcere di Imrali dove e' rinchiuso dal 16 febbraio dello scorso anno - Non sarei stato il solo che ci avrebbe perso. Lo stato, la societa', tutti ci avrebbero perso''. Secondo il leader curdo, una delle riforme necessarie per arrivare alla pace in Turchia dovrebbe essere l'amnistia.

Due giorni fa, i tre partiti della coalizione di governo avevano deciso di sospendere l'esecuzione per impiccagione di Ocalan, cosi' come richiesto dalla Corte europea per i diritti dell'uomo. Il leader curdo era stato condannato a morte il 29 giugno scorso, con l'accusa di tradimento e separatismo. La guerra dei separatisti curdi contro lo Stato turco e' costata la vita in 15 anni a oltre 32mila persone.

(Pap/Pe/Adnkronos)