CRIMINALITA': BORRELLI, FALSO CHE NON PERSEGUIAMO QUELLA DI STRADA
CRIMINALITA': BORRELLI, FALSO CHE NON PERSEGUIAMO QUELLA DI STRADA

Milano, 15 gen. - (Adnkronos) - ''Completamente falsa, volgarmente falsa in quanto alimentata da ben identificati interessi e' la considerazione talvolta suggerita all'opinione pubblica secondo cui la magistratura sarebbe indifferente all'espandersi della criminalita' da strada, perche' pervicacemente e ideologicamente occupata a perseguire -anzi a perseguitare- i fantasmi di una criminalita' dei colletti bianchi''. Lo ha detto Francesco Saverio Borrelli, Procuratore Generale di Milano, in un passaggio del suo discorso di stamani dedicato alla azione dell'autorita' giudiziaria milanese contro la cosiddetta 'microcriminalita''.

''Il rispetto della verita' richiede alcune precisazioni -ha continuato Borrelli- anzitutto i casi piu' violenti e sanguinosi (omicidi, rapine e tentate rapine) che avevano contribuito ad innescare l'allarme, sono stati risolti in tempi brevissimi proprio grazie all'impegno dei pubblici ministeri e delle polizie e cio' conferma che l'apparato repressivo del grande crimine funziona, come si e' gia' osservato per la criminalita' mafiosa''.

''In secondo luogo -ha aggiunto il procuratore- la cosiddetta microcriminalita', che non e' quella della rapine alle banche o ai portavalori, fino al giugno 1999 era di competenza pretorile, quella economica invece di competenza prevalentemente superiore, dunque gli impegni corrispondenti non interferivano tra loro''.

(Stg/Zn/Adnkronos)