GIUSTO PROCESSO: BORRELLI, NON E' MAI STATO INGIUSTO
GIUSTO PROCESSO: BORRELLI, NON E' MAI STATO INGIUSTO

Milano, 15 gen. - (Adnkronos) - ''Vorrei manifestare la mia personale perplessita' circa l'espressione 'giusto processo', che nell'ignaro profano potrebbe suscitare il sospetto che per secoli, e fino alla riforma dell'articolo 111 della Costituzione, sia sempre stato 'ingiusto', laddove ingiustizia, nella prospettiva positivistica che e' propria del giurista, significa difformita' delle regole vigenti''. Cosi' Francesco Saverio Borrelli, procuratore generale di Milano, ha parlato, nel suo intervento di stamani tenuto per l'inaugurazione dell'Anno giudiziario, della riforma costituzionale sul 'giusto processo'.

''Potrebbe forse discorrersi meno impropriamente di 'equo processo' -ha continuato Borrelli- con l'avvertenza che al principio metagiuridico dell'equita' il legislatore ha inteso ispirare la parificazione delle parti, pubblica e privata, nel processo: soluzione contingente di un problema perenne, la cui bonta', ancora una volta dovra' misurarsi sui fatti''.

(Stg/Zn/Adnkronos)