MEZZOGIORNO: FAZIO, GOVERNO FACCIA LA SUA PARTE
MEZZOGIORNO: FAZIO, GOVERNO FACCIA LA SUA PARTE
PIU' FLESSIBILITA' E MENO FISCO, DETERMINANTE MINOR COSTO LAVORO

Roma, 15 gen. - (Adnkronos) - Le imprese devono fare la propria parte, ma soprattutto il governo deve ''stimolare il processo di riorganizzazione'' assicurando un fisco piu' leggero e maggiore flessibilita' sul lavoro. Solo cosi', ribadisce Antonio Fazio con una casuale concomitante con le attese per la pronuncia della Consulta sui referendum, si riuscira' a chiudere il divario tra le due Italia, esportando anche al sud il modello di piccole imprese che ha fatto la ricchezza del nord est.

Le condizioni di base ci sono gia'. E determinante in questa situazione ''si puo' rivelare il minor costo del lavoro a parita' di qualifica professionale''. L'Italia nel suo complesso, ed il Mezzogiorno in particolare, possono colmare il gap competitivo anche in termini tecnologici e Internet e il commercio elettronico, grazie ai risparmi di costo, sono una opportunita' in questa direzione. Non esistono, dice il governatore, ''evidenti svantaggi da 'ultimo arrivato'''.

''Da un balzo della produttivita' e della competitivita' del Mezzogiorno, che richiede anche efficienza ed efficacia della Pubblica Amministrazione e condizioni di sicurezza e vita civile adeguate, derivera' un beneficio grande per l'economia e la societa' italiana'', afferma il governatore nella sua lezione in occasione del Conferimento della laurea ad honorem in Ingegneria informatica all'Universita' di Lecce. (segue)

(Kat/Zn/Adnkronos)