BARBONI: UN PRONIPOTE DI PIRANDELLO SI AGGIRA PER ROMA
BARBONI: UN PRONIPOTE DI PIRANDELLO SI AGGIRA PER ROMA

Roma, 17 gen. (Adnkronos) - Un barbone di nome Luigi Pirandello si aggira per le strade di Roma. La sua non e' una omonimia casuale: e' infatti il pronipote del grande scrittore e drammaturgo siciliano, vincitore del premio Nobel per la letteratura. Sono anni che questo discendente, ormai quasi sessantenne, dell'autore del ''Fu Mattia Pascal'' ha scelto di vivere come un clochard . E' stata infatti proprio una scelta consapevole quella di abbandonare tutto per vivere esclusivamente di elemosine racimolate agli angoli delle strade. Quanto possiede e' raccolto in un carrello carico di stracci e di oggetti. Per sfamarsi come tanti altri barboni si rivolge alla mensa della Caritas di Colle Oppio.

Luigi Pirandello non fa il barbone perche' costretto dalla poverta'. Poco piu' di una decina di anni fa decise di abbandonare la sua residenza romana per diventare ''uno, nessuno e centomila'', proprio come racconta in uno dei suoi piu' celebri capolavori dello straniamento il Nobel. La scelta di fare il barbone e' per lui un modo anche per salvarsi dal ''peso'' della famiglia, ma anche per non sentirsi ''un individuo tra tanti'' subissato da richieste di tasse dallo Stato ma anche da richieste di favori dai piu' disparati personaggi che vorrebbero sfruttare il nome glorioso di cui il pronipote e' portatore.

(Sin-Xio/Pe/Adnkronos)