PAPA: VALDESI CRITICANO CERIMONIA APERTURA PORTA SANTA
PAPA: VALDESI CRITICANO CERIMONIA APERTURA PORTA SANTA
'NON SI AFFRONTANO PROBLEMI CRUCIALI PER UNITA' CRISTIANI'

Roma, 17 gen. - (Adnkronos) - ''Noi non saremo presenti all'apertura della Porta Santa nella basilica di San Paolo non per la questione delle indulgenze (che e' una quisquilia) ma perche' ancora non si affrontano problemi cruciali come la centralita' del Papa o il mancato riconoscimento delle Chiese cristiane''. Il Pastore valdese, Paolo Ricca illustra la posizione assunta dall'Alleanza Mondiale Riformata che ha deciso di disertare alla solenne cerimonia ecumenica che si terra' domattina nella basilica giubilare. Una cerimonia senza precedenti -come hanno fatto notare molti osservatori- caratterizzata dalla presenza di oltre venti rappresentanti di confessioni ortodosse e protestanti e che culminera' con una reciproca richiesta di perdono per gli errori commessi nel passato. Oltre all'Alleanza Mondiale Riformata che raggruppa le Chiese di tradizione calvinista (valdesi, battisti, avventisti, circa 70 milioni di fedeli sparsi nel mondo) saranno assenti anche gli ortodossi georgiani e quelli della Bulgaria.

Replicando a monsignor Rino Fisichella che ha commentato negativamente l'assenza dei Valdesi (''e' una occasione perduta per il confronto'') il pastore Paolo Ricca fa sapere che ''e' difficile dire se e' effettivamente si puo' considerare un'occasione persa. Bisogna, infatti, vedere cosa concretamente produrra'. La ragione per cui non partecipiamo e' semplice: noi non crediamo che il Papa, in quanto capo della Chiesa cattolica, abbia la centralita' che questa cerimonia sembra volergli attribuire. Inoltre non crediamo che il dialogo ecumenico abbia bisogno di queste cerimonie che alla fine lasciano le cose come sono: non e', infatti, in questi momenti che si affrontano i veri problemi che sono sul tappeto. E il problema maggiore e' una unita' che non c'e'. Una unita' che si deve attuare nella diversita'''. (segue)

(Gia/Zn/Adnkronos)