TRAPIANTI: PER NUMERO DONATORI ITALIA RAGGIUNGE EUROPA
TRAPIANTI: PER NUMERO DONATORI ITALIA RAGGIUNGE EUROPA
SECONDO DATI RACCOLTI DA ISS, AUMENTATI ANCHE INTERVENTI

Roma, 17 gen. (Adnkronos) - Nel '99 i donatori di organi nel nostro Paese sono stati 790, 83 in piu' rispetto all'anno precedente. Dai 12,3 donatori per milione di abitanti nel '98 l'Italia e' passata, dunque, a 13,7 pma del '99, raggiungendo la media europea di 13,6 pma. Questo il bilancio tracciato dall'Istituto Superiore di Sanita', che ha raccolto i dati preliminari delle attivita' di donazione e trapianto di organi trasmessi dai Centri regionali e interregionali. Ne da' notizia un comunicato del ministero della Sanita'.

Passando dal Nord al Sud della Penisola i dati variano sensibilmente. Dai 20,3 donatori pma nell'Italia settentrionale si passa ai 13,8 pma nel Centro e ai 5,5 pma al Sud. A guidare la classifica dei piu' 'generosi' e' la Provincia autonoma di Bolzano con 28,3 donatori pma, seguita dalla Toscana (26,9), dall'Emilia Romagna (25,5) e dal Veneto (22,7). Al di sopra della media nazionale anche Liguria (19), Piemonte-Valle D'Aosta (18,8), Lombardia (18,3), Friuli (16,9) e Umbria (15,6). Al di sotto della media, invece, si posizionano la provincia di Trento (12,8), Sardegna (12,1), Abruzzo e Molise (10,6), Marche (8,9), Puglia (7,3), Basilicata (6,6) e Lazio (6,1). Fanalini di coda sono Calabria (4,8), Campania (3,6) e Sicilia (2,7).

Bisognerebbe raggiungere i 20-22 donatori per milione di abitanti per soddisfare il fabbisogno della popolazione riguardo al trapianto di rene. Attualmente i pazienti in lista d'attesa sono circa 10mila. L'incremento delle donazioni registrato nel '99 ha portato all'aumento del numero degli interventi effettuati: 2.428, 304 in piu' rispetto al '98. Lo scorso anno sono stati eseguiti 1.314 trapianti di rene (+107 rispetto al '98), 683 di fegato (+144), 337 di cuore (-1), 101 di polmone (+34) e 35 di pancreas e rene (-10).

Nonostante i migliori risultati ottenuti nel '99, e' necessario - sottolinea il ministero - intervenire per affrontare la grave carenza di donazioni e di trapianti nelle regioni meridionali. Anche in queste regioni, tuttavia, vanno rilevati i primi segnali positivi: l'incremento delle donazioni in Puglia e l'analogo aumento in Sicilia, dopo l'avvio del Centro trapianti di Palermo. Il ministro della Sanita', Rosy Bindi, ha sottolineato l'impegno per la completa attuazione di quanto previsto dalla nuova legge sui trapianti.

(Red-Sun/Pe/Adnkronos)