NOTIZIE FLASH: 3/A EDIZIONE (2) - L'ESTERO
NOTIZIE FLASH: 3/A EDIZIONE (2) - L'ESTERO

Berlino. Il presidente della Cdu Wolfgang Schaeuble si e' scusato oggi di fronte al Bundestag per lo scandalo dei finanziamenti illegittimi al partito. ''Questo e' un momento di grandi difficolta' per me e per il partito'', ha affermato Schaeuble, che ha ribadito l'impegno della Cdu affinche' sia fatta piena luce sullo scandalo e ne siano tratte le dovute conseguenze. Schaeuble ha ammesso che durante gli anni in cui la Cdu ha governato il Paese ''si e' palesemente violata la legge''; inevitabili ora le ripercussioni per quanto concerne la fiducia dei cittadini nei partiti e nelle istituzioni. Il capogruppo della Spd, Peter Struck, ha definito le vicende delle ultime settimane ''uno dei piu' gravi scandali politici'' nella storia della Repubblica Federale ma ha precisato: ''non si tratta di una crisi dello Stato... La Germania non e' in procinto di trasformarsi in una repubblica delle banane'', con riferimento al rifiuto di Kohl di fare i nomi dei finanziatori anonimi della Cdu.

Gerusalemme. Il presidente israeliano Ezer Weizman e' da oggi ufficialmente sotto inchiesta. Lo ha annunciato il procuratore generale Eliakim Rubinstein spiegando che l'iniziativa e' stata presa sulla base di prove che smentirebbero le dichiarazioni rese dal capo di stato sulla natura dei suoi rapporti con il miliardario francese Eduard Sarousi. Secondo Radio Israele sarebbe emerso con evidenza che i 450 mila dollari accreditati sui conti di Weizman tra l'88 e il '92, quando era prima deputato e poi ministro, e mai dichiarati al fisco, come impone la legge, non gli erano stati donati, come ha sostenuto il presidente, da Sarousi per curare il figlio Shaul, ferito da un soldato egiziano durante la guerra del '70, ma gli erano stati versati ad altri fini.

Berlino. L'ex cancelliere tedesco Helmut Kohl si e' lamentato oggi pubblicamente della ''campagna di odio'' nei suoi confronti. Circondato dai giornalisti mentre lasciava la sua abitazione, Kohl si e' rifiutato stamane di rispondere a qualsiasi domanda sullo scandalo dei fondi neri, criticando invece la campagna condotta contro la sua persona 24 ore al giorno. ''Con me non ci si puo' comportare in questo modo'', ha detto Kohl.

Ankara. Giornata storica nei rapporti tra Atene e Ankara: il ministro degli Esteri greco George Papandreou e l'omologo turco Ismail Cem hanno firmato oggi nella capitale turca quattro accordi di cooperazione che costituiscono le fondamenta delle relazioni tra i due paesi per il prossimo millennio. In una conferenza stampa congiunta seguita alla firma degli accordi - che riguardano il turismo, l'ambiente, la protezione degli investimenti e la lotta al terrorismo e al crimine organizzato - Papandreou e Cem hanno anche annunciato una serie di proposte comuni, il cui obiettivo e' di rafforzare ulteriormente la cooperazione, e, di conseguenza, ridurre la tensione tra i due paesi del Mediterraneo, ai ferri corti da decenni.

Pristina. Il capo della missione in Kosovo dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, David Riley, 50 anni, e' morto nel sonno la scorsa notte a Pristina. Un portavoce dell'Acnur nel capoluogo kosovaro ha reso noto che Riley, un cittadino americano, e' morto per cause naturali. Riley lascia una moglie cingalese e due figli.

Washington. Un allarme per la sicurezza nazionale americana e' stato lanciato dal dipartimento dell'Energia: centinaia di documenti contenenti segreti nucleari sono stati resi accessibili al pubblico ''per sbaglio''. In un rapporto inviato al Congresso, il ministero ha spiegato che queste informazioni ''top secret'', che potrebbero essere cosi' finite nelle mani sbagliate, si trovavano fra le 948mila pagine di documenti, datati piu' di 25 anni e provenienti da diverse agenzie federali, depositati negli Archivi nazionali. Prima della loro declassificazione, pero', il presidente Clinton aveva ordinato un'attenta revisione per 'oscurare' le informazioni che dovevano rimanere ''top secret''. Ed e' in questa fase che - spiegano fonti del dipartimento dell'Energia che ha concluso una revisione del materiale declassificato- deve essere intervenuto ''l'errore umano'', cioe' i revisori si sono lasciati sfuggire documenti o parti di questi che non dovevano essere resi pubblici.

Almeria. Il fenomeno della caduta dei blocchi di ghiaccio in Spagna ha provocato per la prima volta il ferimento di una persona. Una donna di 62 anni della cittadina meridionale di Sufli, e' infatti rimasta lievemente ferita a una spalla quando un blocco di ghiaccio di oltre un chilo l'ha sfiorata mentre camminava per la strada. La donna e' svenuta, ha riferito il sindaco della cittadina, Juan Cuevas, confermando che si tratta della prima persona ferita a causa di questo fenomeno. La vittima, proprietaria dell'unica tabaccheria della citta', e' stata subito trasportata all'ospedale dove i medici hanno dovuto somministrarle calmanti in seguito allo shock subito. (segue)

(Sin-Bis/Zn/Adnkronos)