NOTIZIE FLASH: 1/A EDIZIONE (3) - L'INTERNO
NOTIZIE FLASH: 1/A EDIZIONE (3) - L'INTERNO

Milano. Sottolinea di parlare a titolo personale, l'ex presidente della Repubblica Francesco Cossiga, cosi' come a ''titolo personale ho parlato al congresso del Ccd'', e in un'intervista al 'Corriere della Sera' informa di voler proporre le sue tesi al prossimo vertice del Trifoglio. Tesi che, secondo il progetto di Cossiga, vedono un'intesa con il leader di Forza Italia per costruire ''un moderno centro riformatore'' da contrapporre alla ''Coalizione frontista dei nuovi socialisti di Massimo D'Alema''. Tutto dipende dal 'Cavaliere', sostiene Cossiga, e dal suo rapporto con Gianfranco Fini. ''Se il matrimonio con An finisse -precisa infatti- ci potremmo anche sposare'', in caso contrario ''potremmo pensare ad un accordo di desistenza''.

Milano. Gianfranco Fini avverte Silvio Berlusconi: ''se snaturiamo il Polo rischiamo di perdere''. In un'intervista a 'La Repubblica', il presidente di An, confessa di fidarsi sempre del 'Cavaliere', anche perche' precisa ''non ho motivo di dubitare di lui'' che con Pier Ferdinando Casini ''hanno confermato il carattere strategico dell'alleanza''. In ogni caso ribadisce la necessita' ''di allargare il Polo, non di snaturarlo''. Il Polo, precisa Fini, ''e' nato come coalizione di centro-destra portatrice di una forte carica innovativa. Se diamo l'impressione di voler rimettere in sella il vecchio sistema, non e' la destra che rischia l'isolamento -sottolinea- e' il Polo che rischia di perdere''.

Milano. ''Ho visto le legnate che il potere ha tirato a Berlusconi ed ho capito che anche lui vuole cambiare e tentano di farlo fuori, come me''. Questo il motivo che avrebbe spinto Umberto Bossi a tornare a dialogare con il leader di Forza Italia, in vista delle prossime elezioni regionali. In un'intervista a 'Il Messaggero', Bossi spiega la sua alleanza con Silvio Berlusconi, nonostante gli attacchi di questi anni e le accuse lanciate al 'cavaliere'. ''Con il sistema di potere che c'e' in Italia -precisa Bossi- prima o poi sfiori la piovra, ma quanto a mafia D'Alema e gli altri hanno tanto da insegnare''.

Milano. ''Il nostro sogno resta l'unita''' ma Arturo Parisi, leader dei Democratici, si dice anche disposto a fare ''da gamba del centrosinistra'', anche senza i Ds ''se continueranno in questa posizione di chiusura. Con le porte sempre aperte anche a loro -precisa in un'intervista al 'Corriere della Sera- saremo costretti ad andare avanti con chi ci sta''. Parisi, insomma, stringe i tempi per una coalizione di centrosinistra, deluso anche dalla proposta di federazione disegnata da Walter Veltroni nell'ultimo congresso Ds, mentre mostra di apprezzare le aperture di Franco Marini ed Enrico Boselli ai quali lancia la sua proposta.

Milano. Bloccare il leader del Polo, Silvio Berlusconi, con il referendum elettorale. La proposta viene dal ministro del Lavoro, Cesare Salvi, secondo il quale ''il cavaliere vuole un ritorno ai bui anni Ottanta, quelli del Caf''. Secondo Salvi, intervistato da 'Il Messaggero', Berlusconi ''sogna un grande centro che superi la logica del bipolarismo e dell'alternanza, in modo che tornino al governo le varie forze centriste collocando la sinistra all'opposizione e la destra ai margini''. (segue)

(Sin/Gs/Adnkronos)