NOTIZIE FLASH: 2/A EDIZIONE (2) - L'ESTERO
NOTIZIE FLASH: 2/A EDIZIONE (2) - L'ESTERO

Teheran. A meno di quattro settimane dalle cruciali elezioni legislative in Iran, il Consiglio dei Guardiani, organo dominato dal clero conservatore, ha parzialmente condizionato il risultato delle consultazioni del 18 febbraio, bocciando 402 candidati riformisti sulla base della presunta insufficienza delle loro ''credenziali islamiche''. I 12 Guardiani hanno decapitato la sinistra riformista, che ora dovra' sperare su un'affermazione dei propri candidati di seconda fila, mentre hanno usato una relativa cautela con i moderati del movimento ''Khordad'' (bocciati 90 candidati su 290) che fanno capo al presidente Mohammad Khatami e risparmiato la destra tecnocratica della Societa' della coalizione islamica del predecessore Akbar Hashemi Rafsanjani, capo del potente Consiglio delle Scelte e probabile futuro presidente del Parlamento.

Pristina. Ha aperto oggi i battenti a Pristina la prima banca registrata sotto l'amministrazione delle Nazioni Unite. La Meb, Micro Enterprises Bank, si propone di sostenere le piccole imprese e offrire servizi come il trasferimento internazionale di denaro nella provincia jugoslava. La Meb e' stata realizzata con l'aiuto di istituti finanziari internazionali e banche tedesche e olandesi.

Washington. Un sistema caotico, troppo veloce per permettere un reale processo decisionale e quindi, in fondo, poco democratico. Queste le principali critiche al processo di scelta dei candidati presidenziali, le cosiddette primarie, fiore all'occhiello della democrazia diretta americana, che oggi, con i caucuses nell'Iowa, partono per la determinazione delle ''nomination'' alle elezioni presidenziali del Duemila. Mai come quest'anno - scrive oggi il ''New York Times''- all'interno dei due maggiori partiti si erano sentite tante critiche al processo e tante richieste di cambiamento. Oltre alle critiche vengono gia' avanzate alcune possibili soluzioni: come quella di riorganizzare il calendario delle primarie partendo con gli stati piu' piccoli e meno popolosi, dando cosi' la possibilita' ai candidati di fare un campagna piu' diretta, per passare poi a quelli piu' grandi.

Berlino. Il segretario generale della Spd Franz Muentefering ha dichiarato oggi nel corso di una conferenza stampa che e' da ritenere improbabile l'ipotesi secondo cui il solo ex-Cancelliere Helmut Kohl sarebbe stato al corrente delle pratiche illecite del partito in materia di finanziamenti. ''Che si tratti di 10, 12 o piu' milioni di marchi, ha sottolineato Muentefering, e' chiaro che la responsabilita' ricade non solo sul 'sistema Kohl' ma anche sul 'sistema Cdu'''. Muentefering ha inoltre ribadito che le rivelazioni delle ultime settimane hanno messo in forse la validita' di talune elezioni regionali, in quanto l'impiego di fondi neri avrebbe potuto influenzare il risultato degli scrutini. Per Muentefering, comuque, le vicende attuali puntano ad una crisi della Cdu, ''e non dello Stato o della democrazia'' in Germania.

Algeri. Un centinaio di morti tra i terroristi, circa trenta tra i militari. E' questo il tragico bilancio della battaglia in atto tra i terroristi islamici della Gia e l'esercito algerino che ha assaltato le roccaforti degli integralisti nei massicci montuosi ad Ovest del Paese. L'esercito di Algeri ha addirittura lanciato dei paracadutisti nell'area dei combattimenti. La battaglia piu' accanita si sta svolgendo nella regione di Relizane. (segue)

(Rip/Zn/Adnkronos)