NOTIZIE FLASH: 3/A EDIZIONE (3) - L'INTERNO
NOTIZIE FLASH: 3/A EDIZIONE (3) - L'INTERNO

Roma. Mauro Cutrufo e' stato nominato vicesegretario del Cdu, ''un segnale forte di cambiamento'' afferma una nota, sottolineando le origini ''marcatamente democristiane'' dell'ex parlamentare Ppi, in vista della ''riaggregazione di tutte quelle forze centriste di ispirazione cattolico-liberal democratica''. ''Dovro' affrontare battaglie decisamente impegnative alle quali non intendo sottrarmi -annuncia Cutrufo- Abbiamo colto nell'invito di Berlusconi diversi spunti di interesse. Contrapporsi a qualsiasi tentazione egemonica e' nei nostri piani. Non vogliamo un paese stretto in una morsa bipolare, anzi bipartitica, che legittima reciprocamente solo le due ali estreme, cancellando di fatto il centro''.

Roma. La nomina del professor Franco Barberi a direttore della nuova Agenzia per la Protezione civile e ''gli atti conseguenti'', ''nulla hanno a che vedere con l'inchiesta giudiziaria avviata su alcuni episodi e su taluni funzionari impegnati nella gestione del campo di Valona durante la crisi del Kosovo''. E' quanto si precisa in una nota diffusa da palazzo Chigi. ''Non si puo' nascondere -sottolinea la nota- a proposito di alcune polemiche giornalistiche e politiche, lo stupore per la superficialita' e la confusione creatasi attorno alla nomina del professor Barberi a direttore dell'Agenzia per la Protezione civile nell'ambito delle misure di attuazione della riforma dei ministeri. E' inoppugnabile che la nomina di Barberi sia stata decisa dal Consiglio dei ministri il 19 novembre 1999, in virtu' delle sue indubbie competenze e capacita' nella gestione della Protezione civile''.

Roma. ''Il Governo sapeva e ha taciuto. Non mi sembra giusto che ora a pagare sia soltanto Barberi. Il sottosegretario e' diventato il capro espiatorio di questa vicenda, ma e' lecito chiedersi chi c'era sopra di lui. Possibile che il ministro dell'Interno non ne sapesse niente?'' E' quanto afferma il senatore Luigi Peruzzotti della Lega Nord, componente della Commissione Antimafia. ''Sarebbe opportuno -afferma il parlamentare leghista- che il Parlamento riappropriandosi delle proprie prerogative di controllo e di indagine faccia passare sotto la lente di ingrandimento di una commissione di inchiesta, non solo la Missione Arcobaleno, ma tutti quegli organismi e quelle iniziative che raccolgono miliardi dai cittadini e dallo Stato, ogni qualvolta si verifica una calamita' naturale o umanitaria''.

Roma. ''Ancora una volta al danno si aggiunge la beffa. La vicenda Barberi sta diventando sempre piu' una burla con gli italiani che continuano ad essere presi in giro da chi invece ha il dovere di fare chiarezza''. Il deputato di Forza Italia, Cristina Matranga torna sulla Missione Arcobaleno con una dura presa di posizione. ''C'e il richio -afferma il deputato azzurro- che i poteri di Barberi, capo dell'Agenzia della Protezione Civile, siano di gran lunga maggiori di quelli che aveva come capo del Dipartimento perche la contabilita' dell'agenzia non verra' trattata dalla Corte dei Conti, in pratica sara' quindi senza alcun controllo''. (segue)

(Sin/Zn/Adnkronos)