NOTIZIE FLASH: 3/A EDIZIONE (2) - L'ESTERO
NOTIZIE FLASH: 3/A EDIZIONE (2) - L'ESTERO

Berlino. Lo scontro fra l'attuale leadership della Cdu e l'ex Cancelliere e Presidente onorario Helmut Kohl si fa sempre piu' duro. Secondo informazioni raccolte dal settimanale tedesco ''Stern'', il Presidente della Cdu Wolfgang Schaeuble avrebbe affermato a chiare lettere, nel corso della riunione del direttivo del partito di lunedi', che la rinuncia ad un'azione legale nei confronti di Kohl avrebbe un carattere puramente transitorio. Inoltre, a detta di ''Stern'', Kohl potrebbe dover rispondere oltre che dello scandalo dei finanziamenti, anche di illeciti relativi ai ''jet facili'' per aver usato per ben cinque volte dei charter privati, ''senza mai pagare una lira di tasca propria''. Intanto, si concretizza nella vicenda dei fondi neri tedeschi una pista italiana dopo l'arresto per riciclaggio, il 20 gennaio scorso a Chicago, di Giorgio Pelossi, uno dei testimoni contro Schreiber. l'uomo d'affari all'origine dello scandalo che ha travolto la Cdu. Per Pelossi sono state avviate le pratiche per l'estradizione.

Wiesbaden. Nel quadro delle indagini sullo scandalo delle tangenti, la Procura di Wiesbaden ha aperto un'istruttoria nei confronti dell'ex Ministro degli Interni tedesco Manfred Kanther (Cdu). Secondo la ''Bild Zeitung'', la magistratura intende accertare se Kanther sia venuto meno ai suoi compiti di controllo per quanto concerne il trasferimento dei fondi nei della Cdu su conti stranieri. La Procura ha confermato oggi (mercoledi') le anticipazioni del quotidiano, precisando che contro Kanther grava il sospetto di omissione d'atti d'ufficio: avrebbe mancato di informare compiutamente Roland Koch, suo successore alla carica di Presidente della Cdu dell'Assia, sulla situazione patrimoniale del partito.

Washington. Continua a colpi di decisioni legali la battaglia per Elian. Le sue nonne potranno incontrare oggi nella casa di Jeanne O'Laughlin, una suora cattolica presidente dell'Universita' Barry di Miami, il piccolo cubano ormai da due mesi al centro di un braccio di ferro, prima diplomatico ed ora legale. Era stato necessario un intervento diretto del ministero della Giustizia per superare l'opposizione dei parenti di Miami, cui Elian e' stato affidato dopo il naufragio in cui e' morta sua madre, ad un incontro riservato ed un luogo neutrale fra il piccolo e le nonne arrivate la scorsa settimana da Cuba per cercare di ottenere il suo ritorno a casa. (segue)

(Sin/Zn/Adnkronos)