CECENIA: CACCIA ALL'UOMO NEL SUD, OK A MISSIONE DELLA ROBINSON
CECENIA: CACCIA ALL'UOMO NEL SUD, OK A MISSIONE DELLA ROBINSON

Mosca, 2 mar. (Adnkronos/Dpa) -Caccia all'uomo nel sud della Cecenia, dove le truppe russe hanno intensificato l'operazione per catturare gli ultimi comandanti ribelli nascosti nelle montagne, a due giorni dalla caduta di Shatoi mentre a Mosca e' stato finalmente dato il nulla osta al viaggio in Cecenia del Commisario europeo per i diritti umani, la signora Mary Robinson, che si rechera' nella repubblica caucasica in aprile.

Un migliaio di uomini stanno rastrellando la regione, intorno alle gole dell'Argun e di Vedeno, appoggiati dai bombardamenti aerei, per catturare il Presidente Ceceno, Aslan Maskhadov (che nel frattempo ha lanciato un ultimo disperato appello a Vladimir Putin per un negoziato di pace, attraverso Radio Eco), Shamil Basayev, Ruslan Gelayev, e il ''giordano'' al-khattab. ''Abbiamo predisposto delle trappole, prima o poi ci cadranno -ha uno dei generali delle forze del Caucaso del Nord, Vadim Timchenko.

''Se ci sediamo a un tavolo e raggiungiamo la conclusione che questa sporca guerra e' stata completamente inutile, allora tutto sara' finito'' -ha dichiatato Maskhadov, denunciando come ''i generali russi abbiano sempre male informato il loro Presidente''. Immediata la reazione del Cremlino.

''In questo senso'', ha dichiarato il portavoce per le questioni cecene, Sergei Yastrzhembsky, non ci sara' alcun negoziato''. ''Saranno i rappresentanti della procura generale a parlare a Maskhadov, in merito alle accuse (ribellione armata e' il capo d'accusa formulato contro il Presidente ceceno, ndr) contro di lui''. Anche il ministro della Difesa, Igor Sergeyev, ha respinto categoricamente colloeui con Maskhadov, ''un criminale ricercato''. (Tel/Pe/Adnkrons)

null