KOSOVO: NASCE UN NUOVO UCK NELLA SERBIA ALBANESE
KOSOVO: NASCE UN NUOVO UCK NELLA SERBIA ALBANESE

Dobrosin, 2 mar. - (Adnkronos) - Un nuovo Uck nasce nella Serbia meridionale ai confini con il Kosovo, una regione abitata da una consistente minoranza albanese. Non si chiama Esercito di Liberazione del Kosovo, bensi' Esercito di Liberazione di Presevo, Medvedja e Bujanovac, i tre principali comuni serbi a maggioranza albanese. Le uniformi sono quelle dell'Uck -un misto di tute mimetiche americane e tedesche- con un'insegna rosso-nero-gialla e i combattenti sono tutti reduci della guerriglia albanese-kosovara. Il loro obiettivo -informa il ''New York Times'', citando fonti americane della forza di pace Kfor in Kosovo- e' la ''liberazione del Kosovo Orientale'', un territorio che si estende tra Medvedja a nord e Presevo a sud abitato da oltre 70mila albanesi. Il loro comandante sarebbe Rexhep Selimi, ex ''ministro dell'Ordine Pubblico e della Sicurezza'' dell'Uck.

Il nuovo Uck ha gia' ingaggiato nei giorni scorsi uno scontro a fuoco con la Polizia ministeriale (Mup) serba, costato un morto per parte, ed ha ferito per errore un funzionario irlandese delle Nazioni Unite accreditato in Serbia. La Kfor ha dispiegato truppe americane per sigillare il confine tra Kosovo e Serbia, una zona smilitarizzata larga cinque chilometri. ''Sperano in una rappresaglia sproporzionata da parte serba contro la popolazione civile albanese che costringa la Kfor a rispondere -sottolineano fonti della forza di pace comandata dal generale tedesco Klaus Reinhardt- La situazione e' pericolosa ed esplosiva''. La data ufficiale di nascita del nuovo Uck e' il 26 gennaio, giorno in cui la Mup uccise i fratelli albanesi Isa e Shaip Saqipi, 36 e 32 anni, nel villaggio di Dobrosin, ma gia' qualche giorno prima tre serbi erano stati uccisi in un agguato a Mucibaba.

(Nul/Pn/Adnkronos)