REFERENDUM: BERLUSCONI, GLI ITALIANI SONO CON ME (2)
REFERENDUM: BERLUSCONI, GLI ITALIANI SONO CON ME (2)
HO GIA' FATTO AUTOCRITICA, ECCO DISASTRI MAGGIORITARIO

(Adnkronos) - ''Il nostro -ribadisce il Cavaliere- e' un grande partito liberale, nel quale convivono tranquillamente diverse anime. Ci sono i fautori del sistema tedesco come Tremonti e Urbani e, contemporaneamente, quelli del maggioritario puro, come Martino e Biondi. Dopo le regionali, convochero' un comitato di presidenza sull'argomento che, a sua volta, fissera' un Consiglio nazionale che prendera' la decisione finale e fissera' la linea del partito non solo su questo ma anche su tutti gli altri quesiti''.

''Da buon democratico -prosegue Berlusconi- mi atterro' alle decisioni del mio partito. Ma posso gia' anticiparvi che, per quanto emerso da una serie di riunioni e da alcuni sondaggi, la maggior parte degli 'azzurri' e' d'accordo con me sul fatto che il maggioritario in Italia ha fallito. Io stesso ho dovuto fare autocritica, dal momento che ero stato tra i sostenitori del maggioritario ed avevo scritto di mio pugno una proposta di legge che lo rafforzava''.

''Ma i risultati -aggiunge- sono sotto gli occhi di tutti: si moltiplicano i ribaltoni, aumentano i partiti, il trasformismo e' la regola, si da' vita a governi come quello attuale non legittimati dal voto popolare. Ec e' quindi forse il momento di una discussione laica sull'argomento per trovare una strada diversa. Perche' il sistema elettorale non e' un dogma di fede, ma solo uno strumento per garantire la stabilita' politica e la governabilita' del paese''. (segue)

(Rao/Rs/Adnkronos)