NOTIZIE FLASH. 1/A EDIZIONE (3): L'INTERNO
NOTIZIE FLASH. 1/A EDIZIONE (3): L'INTERNO

Roma. Disco verde all'accordo sul trattamento dei 13.500 esuberi previsti dalla Telecom. L'intesa, raggiunta al ministero del Lavoro grazie alla mediazione del governo, prevede l'avvio alla mobilita' per 5.300 dipendenti in attesa del pensionamento. La Telecom si e' pero' impegnata su 6.200 nuove assunzioni, di cui 2.000 nel Sud, e a ridurre a 13.000 gli esuberi totali. Soddisfatti i sindacati. Deciso il mantenimento in azienda per 900 dipendenti, mentre sono previste oltre 3.000 incentivazioni all'uscita. Per i restanti lavoratori si ricorrera' ad ammortizzatori sociali.

Torino. I giudizi del Fondo monetario internazionale sull'Italia confermano la bonta' del risanamento economico del nostro Paese. E' il giudizio del presidente del Consiglio Massimo D'Alema, a Torino per un incontro con il mondo culturale e accademico. ''Non c'e' dubbio -spiega il premier- che l'ordine dei problemi che il Paese ha di fronte e' cambiato dopo gli anni dell'emergenza. Oggi c'e' il risanamento, un successo faticoso, ma un successo. Anche il Fondo monetario dice che il risanamento in Italia e' strutturale. Loro sono esperti e sono uffici seri e questo giudizio -conclude D'Alema- pone fine a discussioni spesso autolesionistiche tipiche di questo Paese''.

Milano. Apre in negativo Piazza Affari con il primo indice Mibtel a -0,17% a 32.763 punti. Male anche le altre piazze europee con Londra a -0,17%, Parigi a -0,36% mentre Francoforte segna +0,23%. Chiusura in positivo invece per la borsa giapponese che segna +0,46%. L'indice Nikkei dei 225 titoli guida e' aumentato di 93,31 punti fermandosi a quota 20.374,34. Il dollaro perde terreno sullo yen a quota 106,44 yen, ovvero 0,46 punti in meno di ieri.

Roma. Euro in calo su dollaro e yen questa mattina in apertura dei mercati valutari in Italia. La divisa europea viene scambiata a 0,9672 dollari rispetto ai precedenti 0,9712 di ieri. Un dollaro vale dunque 2.002. L'euro vale 102,91 yen contro i 103,77 di ieri.

Roma. In leggero aumento le vendite al dettaglio nel mese di gennaio, anche se per le piccole imprese l'incremento e' quasi nullo. L'Istat rileva infatti un incremento tendenziale di +1,3% rispetto allo stesso mese dell'anno precedente. L'aumento e' dovuto, in particolare, alla grande distribuzione che segna un +6,7% mentre le imprese operanti su piccole superfici hanno segnato un +0,1%. (segue)

(Sin/Gs/Adnkronos)