ARCHEOLOGIA: NAPOLI, LA POMPEI A LUCE ROSSA RIAPRE IN SORDINA
ARCHEOLOGIA: NAPOLI, LA POMPEI A LUCE ROSSA RIAPRE IN SORDINA
DA DOMANI IN MOSTRA GLI 'SCANDALOSI' OGGETTI OSCENI

Napoli, 28 mar. - (Adnkronos) - Riapre il ''Gabinetto segreto'' del Museo Archeologico di Napoli, la sua collezione piu' chiacchierata ma anche meno vista dal pubblico, che si e' guadagnata il nome di 'Pompei a luci rosse' Era dal 1971 che le oltre 250 opere della ''Raccolta pornografica'' che non si potevano vedere, ufficialmente ''chiuse per restauro''. Poco dopo la meta' di marzo il ''Gabinetto segreto'' riaprira' al pubblico, per non essere piu' chiuso. Le sale resteranno tuttavia off-limits per i bambini al di sotto dei dieci anni. L'inaugurazione delle restaurate sale e' fissata per domani: avverra' volutamente in sordina, la Soprintendenza ai Beni culturali della citta' partenopea non ha previsto infatti alcuna cerimonia pubblica. Si teme, forse, lo 'scandalo'? Sciocchezze, replica il soprintendente Stefano De Caro, limitandosi a precisare che non si e' voluto dare ''enfasi'' all'appuntamento.

Costituita da oggetti sottratti alla vista dei visitatori perche' ritenuti osceni, la storica ''Raccolta pornografica'' raccoglie reperti emersi fin dall'inizio degli scavi archeologici a Pompei ed Ercolano. Sono i diari dei lavori di fine Settecento a riportare la scoperta delle ''cose oscenette'' finite poi nel ''Gabinetto segreto'' napoletano: amuleti, lucerne, pitture, rilievi che rappresentano esplicitamente e spesso caricaturalmente scene di attivita' sessuali. E tutti questi oggetti costituiscono il tesoro finora chiuso in casse e depositi. Il nuovo allestimento, invece, permettere ai visitatori di ammirare ben illuminati e con un particolare allestimento la serie di reperti a lungo considerati ''osceni'' e percio' sottratti al pubblico. (segue)

(Sin-Xio/Pn/Adnkronos)