**COM PRIMO TRIMESTRE 2000, LA VISHAY REVISIONA LE STIME IN RIALZO
**COM PRIMO TRIMESTRE 2000, LA VISHAY REVISIONA LE STIME IN RIALZO
PER LA SECONDA VOLTA

A cura di: VISHAY INTERTECHNOLOGY (PRNE)

Malvern, Pennsylvania – Il seguente comunicato e' stato pubblicato dalla Vishay Intertechnology (NYSE: VSH):

Dr. Felix Zandman, Presidente e Direttore Generale della Vishay Intertechnology, Inc., ha annunciato che i redditi per azione, relativi al primo trimestre 2000, terminato il 31 Marzo, ora dovrebbero superare le stime di $0.54 per azione, cioe' almeno il 25% (escludendo ogni singolo effetto derivante dalla vendita della LPSC). Questo aumento modifica le stime riportate nel comunicato del 2 marzo 2000, nel quale avevamo annunciato che, in quel periodo, volevamo superare le stime di 0.44 dollari cioe' di almeno il 20%. Adesso l'aumento e' del 54% su queste previsioni.

In aggiunta, la recente vendita del 65% dei nostri interessi nella Lite-On Power Semiconductor avra' un impatto positivo annuale sui redditi della Vishay, raggiungendo approssimativamente lo 0.08/0.10$ per azione. Recentemente abbiamo annunciato che siamo d'accordo a vendere il nostro 65% d'interesse della Lite-On Power semiconductor Corporation (''LPSC'') alla Lite-On J.V. Corporation (''Lite-On Group''), considerando il consistente monetario e l'assegnazione di diritti di apprezzamento del trasferimento di titoli nel capitale azionario della Vishay approvato dalla Lite-On Group o i profitti derivanti da questo. La Lite-On Group attualmente e' proprietaria del rimanente 35% degli interessi della LPSC. In funzione al valore dei diritti di apprezzamento del capitale azionario, al momento della stesura di questi documenti, potrebbe risultare da questa transazione o un singolo reddito oppure una perdita, previsioni che dovrebbero avverarsi prima del 30 settembre 2000.

La Vishay e' una ricca azienda con vendite annuali pari a $1,8 miliardi, e' la piu' grande produttrice di componenti passivi elettronici negli USA e in Europa (resistori, condensatori, induttori) ed uno dei maggiori produttori di discreti semiconduttori (diodi, optoelettronica, transistor), IrDCs (sistemi di comunicazione a raggi infrarossi), e circuiti integrati di commutazione analogici ed elettrici. I componenti prodotti dall'azienda sono essenziali per le operazioni elettroniche e possono essere trovati in prodotti fabbricati da una gamma molto vasta di industrie nel mondo. Con sedi centrali a Malvern, Pennsylvania, Vishay ha piu' di 20.000 dipendenti in 60 stabilimenti negli USA, Messico, Germania, Austria, Regno Unito, Francia, Portogallo, Repubblica Ceca, Ungheria, Israele, Taiwan (ROC), Cina e Filippine. L'azienda Vishay puo' essere trovata su Internet all'indirizzo http://www.vishay.com.

Le dichiarazioni in questo comunicato stampa possono contenere informazioni di ''previsione'' senza il significato della Sezione 27A del Securities Act del 1933 e la Sezione 21E del Securities Exchange Act del 1934.

Tali dichiarazioni implicano un certo numero di rischi ed incertezze. Tali fattori includono primariamente una diminuzione nella domanda dei prodotti dell'azienda, pressioni da parte della concorrenza, tendenze di recessione, fluttuazioni della moneta, cambiamenti nelle leggi, cancellazione di sovvenzioni statali e sgravi fiscali, tensioni da parte della manodopera, fabbrica sotto capacita' di utilizzo e restrizioni nella capacita' produttiva. Siete pregati di visionare il rapporto dell'azienda del 30 Settembre 1999 su modulo 10-Q registrato con la Securities and Exchange Commission per una lista piu' esauriente di tali fattori.

Per maggiori informazioni: Contatti: Robert A. Freece, Vice Presidente superiore, o Richard N. Grubb, Vice Presidente effettivo e Direttore finanziario, della Vishay Intertechnology, +1 610-644-1300/Sito web: http://www.vishay.com /

******************************************************************** ImmediaPress e' un servizio di diffusione di comunicati stampa in testo originale redatto direttamente dall'ente che lo emette. L'Adnkronos e ImmediaPress non sono responsabili per i contenuti dei comunicati trasmessi. ********************************************************************

null